Utente 286XXX
Buongiorno sono un ragazzo di 29 anni con un passato di rettocolite ulcerosa apparentemente guarita da 3 anni. Dal periodo della guarigione ad oggi soffro in modo cronico di mal.di gola e tonsilliti recidivanti che stanno quasi invalidando la.mia vita. Su consiglio del.medico di base ho fatto cicli di.antibiotici senza risolvere. Abbiamo fatto Il tampone ma è risultato negativo. Ho ritirato le.analisi del sangue ieri e mi danno i sintomi li ho... placche bianche sulle tonsille, spesso afte e qualche bolla nel.perimestro e sotto la lingua....
IGe 1548 e ig candida albicans 14. È sufficiente questo a diagnosticare una candidosi? C'è relazione tra I'll mio trascorso clinico e la candida? Nel senso, un paziente che come.me ha perso sangue tutti I giorni per anni è probabilmente immunocompromesso? Chiedo questo xke ho un po paura dell'hiv, ho avuto molti rapporti orali con partner differenti. Rapporti completi solo con preservativo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buongiorno.
La diagnosi di candidosi orale è sostanzialmente clinica, eventualmente corroborata da un tampone per miceti.
Per quanto concerne una eventuale immunodepressione: non si può escludere, poiché riferisce comportamenti a rischio («molti rapporti orali con partner differenti») e potrebbe presentare ulteriori fattori favorenti sia per l'immunità sistemica sia per quella locale.
Le consiglio pertanto una visita immunologica.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 286XXX

Iscritto dal 2013
Non ho capito la risposta, provo a spiegarmi meglio.
anzitutto vorrei sapere se c'è una possibile relazione tra me come soggetto possibilmente allergico e lo sviluppo di una malattia tipo quella che ho avuto per anni, la rettocolite ulcerosa. Ora non ho più problemi, ho solo frequenti mal di gola con placche bianche. Ho eseguito un tampone ma è risultato negativo quindi il medico di base ha pensato che trattasi di un processo infiammatorio anchesso probabilmente legato alle allergie. Il tampone però secondo me non era totalmente affidabile a 15 giorni dall'ultimo antibiotico, voi che ne pensate?
Domanda, per un rapporto di causa- effetto, un eventuale candidosi orale può manifestarsi in seguito ad un lungo periodo di rettocolite xkè magari appunto si è debilitati?
Il timore HIV è legato ai rapporti orali che ho avuto, ma il emdico mi ha detto che i sintomi non sono assolutamente questi.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
«anzitutto vorrei sapere se c'è una possibile relazione tra me come soggetto possibilmente allergico e lo sviluppo di una malattia tipo quella che ho avuto per anni, la rettocolite ulcerosa»: non vi è nesso tra il fatto di essere «possibilmente allergico» e la RCU, o viceversa.

«Il tampone però secondo me non era totalmente affidabile a 15 giorni dall'ultimo antibiotico, voi che ne pensate?»: un tampone negativo è un tampone negativo. Punto. Se è fatto come si deve è assolutamente «affidabile» ed esclude infezioni dai germi comuni e miceti; inoltre un «mal di gola con placche bianche» non rappresenta il quadro di una candidosi orale.

«il medico di base ha pensato che trattasi di un processo infiammatorio anchesso probabilmente legato alle allergie»: il fatto che Lei abbia un aumento delle IgE totali, sebbene renda possibile il fatto di essere un soggetto "predisposto" alle allergie, non lo indica automaticamente e con certezza. Anche in questo senso è intesa la visita immunologica (che è effettuata dalla figura dell'immuno-allergologo). E, in ogni caso, l'allergia non si manifesta con dei «mal di gola», può essere casomai il fattore che favorisce infezioni (anche virali, che il tampone per germi comuni e miceti non può rivelare).

«Domanda, per un rapporto di causa- effetto, un eventuale candidosi orale può manifestarsi in seguito ad un lungo periodo di rettocolite xkè magari appunto si è debilitati?»: ha appena detto che sta bene per la RCU, quindi anche se fosse teoricamente possibile, il problema non si pone. E, dettaglio (!) non trascurabile, non vi è alcun elemento ad indicare una candidosi orale in atto, quindi il problema non si pone.

Saluti,