Utente 380XXX

Gentili Dottori,
Io e il mio compagno siamo seguiti da un centro di procreazione assistita a causa della difficoltà di procreare.
Al centro fra i vari esami hanno fatto ripetere un test sul liquido seminale con selezione nemaspermica .
Premetto che a maggio 2007 il mio compagno aveva gia effettuato uno spermiogramma (in altro ospedale) non bellissimo ma con valori ritenuti sufficiente per procreare nel centro dove appunto ci siamo rivolti.

Vado ad elencare i risultati del 2° esame:
Pre-trattamento Post trattamento Valori di riferimento

Volume 4 1 >2
Concentrazione mil/ml 6 0.3 >20mil/ml
Mobilità totale 17 70 >50%
Rap. Progressiva % 2 60 >25%
Deb. Progressiva % 5 / >25%
In situ % 10 10 25%
Immobili % 83 30

Analisi Morfologica

Forme normali % 3 nv >20%
Anomalie
Testa 42 nv
Intermedio 16 nv
Della coda 4 nv
Amorfi 35 nv


Riporto anche il 1° spermiogramma del maggio 2007
Aspetto opalescente
Viscosità diminuita
Volume cc 4,00
Ph 8.00
Mobilità rapida 20%
Mobilità stentata 20%
Mobilitò non progressiva 20%
Assenza di movimento 40%
N. nemaspermi per mmc 44000 (rif40000-300000)
Nemaspermi normali 80%


Abbiamo gia la consapevolezza che la situazione non è per niente rosea e ci hanno consigliato di rivolgerci ad un andrologo in quanto con questi valori è praticamente impossibile la ricerca di una gravidanza in maniera naturale.
Il suddetto andrologo ci ha consigliato altri esami.

Ad Aprile del 2008 il mio compagno ha effettuato un ecodoppler dove non è stato riscontrato nessuna presenza di varicocele

Analisi del sangue con questo risultato:
Esame Metodo Risultato Valori

FSH elfa 2,9 1,7-12,0
LH elfa 3,8 1,1-7,0
Testosterone totale elfa 12,2 3,0-10,6
Prolattina elfa 19,3 Fino a 25,0
Testosterone libero ria 12,80 5,60-40,00

Da cosa può essere causata una situazione tale, potete darci qualche consiglio o qualche speranza?
Quale può essere la prassi da seguire al riguardo?
Vi ringrazio dell’attenzione.



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,
non sono per nulla convinto che una gravidanza "per via naturale"
sia impossibile. Se ci sono delle alterazioni della spermatogenesi la probabilità che una gravidanza avvenga naturalmente sono più o meno ridotte ma non nulle. Fatta questa premessa, la diagnosi scaturisce dalla raccolta dell'anamnesi (la "storia" del paziente e della coppia) dalla visita medica con eventuali indagini strumentali (ecografie etc.) ed indagini di laboratorio e tests genetici. In una
piccola percentuale di pazienti può non indivuarsi nessuna causa
dell'infertiltià (le cosiddette infertiltità "idiopatiche").
Quindi, per rispondere alla sua domanda finale, la prassi da eseguire
in questi casi è quella di consultare un andrologo e insieme decidere i passi necessari per capire il problema e risolverlo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2007
Gentile dottore..
Il problema è il tempo entrambi abbiamo 34 anni in cerca di un figlio in modo naturale da 2 anni e mezzo.
Io sono in fase di accertamenti.. a luglio laparascopia e isteroscopia esplorativa per poi eventualmente procedere con inseminazione..
Ovvio che la ricerca del metodo naturale non è abbandonato ma se i tempi e le cure che il mio compagno deve affrontare si rivelassero lunghe ( penso ci vogliano mesi per vedere dei miglioramenti) e fastidiose (iniezioni, ormoni ecc..) come donna preferire evitargli cio'.
In più io la sala operatoria ( e conseguente preparazione all'inseminazione con monitoraggi, iniezioni ecc.)la dovrei affrontare comunque..
Ci consiglia di seguire i due versanti o di seguire solo l'inseminazione?
Emotivamente è molto pesante e anche fisicamente!
Nel centro in cui siamo seguiti di problemi andrologici e ginecologici non se ne occupano ( a loro basta uno spermatozoo per inseminare!)e hanno i loro tempi tecnici: abbiamo 1 anno e mezo di tempo ma fra i vari accertamenti sono passati gia 10 mesi..Siamo dibattuti sul da farsi

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
cara lettrice,
i suoi dubbi sono i classici dubbi di tante coppie..
Di fronte ad una situazione alterata,a 34 anni, che conviene fare ?
accertamenti, terapie, tempo, speranze, ansie, soldi e poi magari trovarsi a fare una ICSI oppure andare direttamente a fare una ICSI sin dall'inizio??
Non credo esista una risposta corretta.
A mio parere se la situazione seminale del maschio lascia qualche "speranza" vale la pena di cercare la soluzione naturale, investendo non piu' di un anno di tempo, altrimenti andare direttamente ad effettuare una procedura assistita. In questo l'aiuto di uno specialista andrologo e non di un "fertilista" (del centro di Procreazione Assistita che tenderebbe sempre a proporre la procedura Assistita) è fondamentale
cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,
sono perfettamente in accordo con il Dr. Pozza.
La consulenza di un andrologo è fondamentale, non può
essere trascurata.
Lei certamente saprà che la percentuale di successo con l'ICSI non è
affatto incoraggiante, tuttavia è utile ricorrere a tale tecnica
per sfruttare delle probabilità in più. Discutetene di questo da un lato con l'andrologo, dall'altro con i ginecologi per decidere
insieme cosa sia più utile nella vostra situazione in considerazione della vostra età, delle vostre aspettative e della vostra storia clinica.
Cordiali saluti


[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
alle corrette osservazioni dei colleghi che mi hanno preceduto , se desidera poi avere più informazioni su questi temi potrebbe essere utile leggere il facile manuale , scritto dalla dra Elisabetta Chelo , "Quando i figli non arrivano" , CIC edizioni internazionali , Roma , oppure il bel libro di Pier Luigi Righetti e Serena Luisi "La procreazione assistita" Bollati Boringhieri editore srl, Torino. Un altro consiglio infine ,se vuole confrontarsi e conoscere altre situazioni o coppie con un problema come il vostro, è quello di consultare il nuovo forum sull'Infertilità nel sito www.madreprovetta.org.
Auguri ed un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it