Utente 286XXX
salve dott
allora le spiego in breve le mia storia
SONO stato colpito di tumore testicolare 2007 seminoma e 2011 mi sono operato dell altro testicolo. quindi tumore testicolare bilaterale.
PRIMA DI INIZIARE LA CHEMIO TERAPIA HO INIZIATO UN TRATTAMENTO TESTOSTERONE UNA FIALA OGNI 28 GIORNI DI TESTOVIRON DA 250MG
NEL FRATTEMPO HO FATTO UNA CHEMIOTERAPIA 3 CICLI FINITA DA 6 MESI.
FINO QUI TUTTO NELLA NORMA.
HO NOTATO UNA CADUTA DEI PELI PUBICI E COSCIE LE HO PERSI DEFINITIVAMENTE ANKE SOTTO ASCELLE STO NOTANDO ANCHE CADUTA DEI CAPELLI ATTACCATURA DELLA BASETTA LATO DX E SX.

PARLANDO CON ONCOLOGO CHE MI SEGUE MI HA DETTO CHE LA CHEMIO LO FINITA DA 6 MESI QUINDI NN PUO ESSERE PRATICAMENTE EFFETTO DELLA CHEMIO CHE FA CADERE DI NUOVI I PELI.
ANDROLOGO/ENDOCRINOLO MI HA RIFERITO CHE IL TESTOVIRON DOVREBBE FAR EFFETTO CONTRARIO FAR CRESCERE I PELI DI PIU RISPETTO AL NORMALE.

CARISSIMO DOTTORE NON SO COME RISOLVERE IL PROBLEMA HO CONTRATTATO UN MIO AMICO CHE AVUTO IL MIO STESSO PROBLEMA E LUI DICE KE LA CHEMIO E IMPOSSIBILE CHE HA QUESTI EFFETTI LUNGO TERMINE ANCHE SECONDO ME E PROPIO COSI SARA UNA CAUSA DEL TESTOVIRON 250 MG CHE NON FA LA SUA FUNZIONE CIOE PRATICAMENTE CI SIA UNA RIDOTTA SENSIBILITA PERIFERICA DI TESTOSTERONE INVECE DI TRASFORMARSI IL ESTROGENI SI TROASMORMA IN UN ALTRA MOLECOLA E NN FACCIA IL SUO DOVERE??
NB. I DOSAGGI DEL TESTOVIRON SONO STATI SEMPRA NELLA NORMA SIA PRIMA DELLA TERAPIA IGNETTORIA CHE DOPO AL SCANDEZIARIO DEL 28 GIORNO.
SPERO CHE MI DIATE UN VS CONSIGLIO
CORDIALI SALUTI TUTTO LO STAFF

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica

Gentile lettore,

purtroppo, in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la vera causa del suo particolare problema clinico e dare quindi una indicazione mirata su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare o riconsultare in diretta ancora il suo andrologo e a lui riferire anche l'ipotesi eziologica da lei riferita, anche se molto improbabile..

Un cordiale saluto.