Utente 287XXX
Buongiorno, mi sono lasciata convincere a sottopormi a delle sedute di criolipolisi in un centro estetico, sebbene avessi più di un motivo di perplessità. Premetto che il mio problema riguardava più la cellulite che dei veri e propri accumuli adiposi plicabili. Le estetiste avevano individuato come zone da trattare il sottogluteo e la coulotte de cheval (la definisco così ma era comunque molto poco pronunciata).
In questo centro dispongono di due apparecchiature per la criolipolisi, che utilizzano in contemporanea per trattare zone bilaterali, come nel mio caso.
Le due macchine sono però diverse: diversa grandezza della bocca di applicazione, diversa forza di aspirazione, diverso livello di depressurizzazione raggiunto, diversa modalità operativa (una dapprima scalda e solo a metà del trattamento raffredda, l'altra parte da subito con un raffreddamento spinto).
Come se non bastasse, è capitato che nel corso del trattamento una delle bocche perdesse il vuoto e mi venisse riapplicata solo dopo una decina di minuti, e comunque fino al termine del tempo previsto, non oltre).
A fronte delle mie perplessità mi è stato risposto che le due macchine benchè diverse garantiscono risultati equivalenti.
Mi è stato poi dato un gel ozonizzato da applicare sulla parte con questa spiegazione: "è come quando scongeli un pezzo di carne che hai tenuto in freezer, si forma del liquido che prima del congelamento non c'era, questo gel è come una rete che raccoglie il liquido ed aiuta ad eliminarlo) (?!?!?)
Bene, giunta al secondo trattamento (che doveva essere l'ultimo) mi vedo asimmetrica.
Volevo sapere se questa metodica è irreversibile, o comunque come posso risolvere questo problema della diversa curvatura del fianco destro rispetto a quello sinistro.
Grazie mille per la consulenza
[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

premesso che gli elettromedicali venduti ed utilizzati in centri estetici condotti da estetiste sono, per Legge, depotenziati ed il conseguente risultato del trattamento può essere a buon motivo definito reversibile, l'eventuale asimmetria causata per forza di cose da due macchine diverse si ridurrà fino a scomparire in poco tempo!

Probabilmente è stata troppo ingenua o poco informata sulle finalità di codesta metodica, se le Sue esigenze non erano finalizzate al trattamento dell'adiposità localizzata bensì alla riduzione della cellulite.


Se vuole, ci aggiorni pure.


Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la tempestiva risposta.
Non ero a conoscenza del fatto che per legge gli apparecchi medicali dei centri estetici fossero depotenziati, e devo dire che nel mio caso, se come mi auguro la situazione tornerà quella di partenza, si è trattato di un bene!! Devo dire che mi era stato garantito dallo stesso centro estetico che la metodica era definitiva, e mi erano stati portati esempi di persone che a distanza di trattamento pur essendo aumentate di peso non avevano accumulato adipe negi punti trattati... quindi si è trattato di un investimento sbagliato, ma spero senza conseguenze negative.
Sono stata ingenua sì, già il fatto che le due macchine fossero così diverse avrebbe dovuto insospettirmi, ma le mie obiezioni erano state messe a tacere sommariamente.
In realtà la mia esperienza era iniziata con un ciclo di sette sedute di radiofrequenza sulle cosce, che mi avevano assicurato essere il non plus ultra per la cellulite (ne approfitto per chiederLe un parere anche su questa tecnica)
Poi però, giunta alla seconda seduta, mi viene detto che la radiofrequenza sarebbe notevolmente più efficace se prima elilnassi con la criolipolisi lo strato di grasso sovrastante nelle due zone citate prima. Anzi, abbinando le due metodiche (prima la radiofrequenza e poi la criolipolisi) si ottiene un effetto sinergico dovuto allo shock termico.
Faccio quindi queste due sedute, scoprendo al termine della prima che è indispensabile (e non compreso nel costo) per il buon esito acquistare anche due sedute di pressoterapia e un gel ozonizzato.
Mi avevano detto due sedute non di più sulla stessa zona, perchè altrimenti si rischia una riduzione eccessiva della quantità di grasso sottocutaeno, ma una volta terminate mi dicono che si può valutare di farne altre due a distanza di un mese.
Dal momento che avevano anche tentato di applicare la criolipolisi all'interno delle ginocchia, dovendosi infine arrendere perchè data la quantità modesta di tessuto adiposo la bocca di applicazione non riusciva a mantenere il vuoto (gli ematomi che ne sono derivati hanno impiegato più di una settimana per riassorbirsi) mi propongono in alternativa sedute di lipolaser seguite da elettrostimolazione.
Nel mentre mi dicono anche che a breve arriverà dagli USA il loro ultimo acquisto, un macchinario specifico per la cellulite che ha ottenuto l'approvazione FDA, il CELLULAZE, che garantisce risultati definitivi e risolutivi.
Mi documento on line e leggo che si tratta di un trattamento che deve essere eseguito in anestesia locale e da un medico, dato che prevede dei piccoli tagli.
Sempre più perplessa chiedo delucidazioni alla proprietaria del centro e lei mi conferma che sì serve l'anestesia ma essendo un'anestesia locale potrà essere eseguita anche nel loro centro e non da un medico.
A questo punto mi sembra evidente come questo centro estetico pecchi di leggerezza se non di cattiva fede...
Mi sono dilungata anche perchè spero di poter essere utile ad altre che come me possono sentirsi proporre questi trattamenti presentati come miracolosi nei centri estetici.
Senz'altro l'aggiornerò sull'evoluzione dell'asimmetria (quando parla di tempi brevi intende settimane o mesi?)
Approfitto della Sua cortesia e competenza infine per chiederLe di suggerirmi un trattamento efficace per la cellulite
La ringrazio ancora per il tempo dedicatomi
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gent. utente,

è sconvolgente il Suo racconto!!!

Mi sembra doveroso dire che Le hanno "venduto" un di tutto di più...senza senso e senza alcuna utilità!

Per quanto riguarda l'anestesia (locale)...se chi la pratica in ambiente non idoneo e non è un Laureato in Medicina e Chirurgia lo fa abusivamente, a rischio e pericolo della paziente, e commette un grave reato: ESERCIZIO ABUSIVO DELLA PROFESSIONE MEDICA!

Per quanto riguarda trattamenti efficaci per la Pannicolopatia, è necessario sottoporsi preventivamente ad una valutazione clinica presso un Dermatologo o Medico Estetico o Chirurgo Estetico.

Soltanto a seguito della suddetta valutazione e corretta diagnosi le potrà essere consigliato il/i trattamento/i ambulatoriale da effettuare.
[#4] dopo  
284499

Cancellato nel 2013
Salve signora,

Riguardo alla criolipolisi le scrivo perché a noi era stata proposta una macchina di un ottima marca ma non ci aveva soddisfatto.
La tecnica consiste nel congelare e comprimere una zona plicabile e ricca di grasso, questo porta a necrosi del tessuto adiposo, il quale in teoria non dovrebbe rigenerarsi, perciò la sua asimmetria deve essere valutata da un medico; consideri che la criolipolisi non ha una indicazione vera e propria per la cellulite, ma solo sugli accumuli adiposi.
Nemmeno la radiofrequenza ha indicazione per la cellulite, questa si usa per le lassità cutanee, perciò dal suo racconto sembrerebbe che in questo centro non siano stati onesti con lei.

Per quanto riguarda il CELLULAZE è sicuramente un'ottima macchina ma consideri che si tratta di un intervento simile a una LAL (lipoaspirazione laser assistita) perciò deve essere eseguita in un centro medico e in ambulatorio chirurgico.

Cerchi uno specialista medico e si rivolga a lui, mi raccomando.
[#5] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
Concordo pienamente con Lei sulla mancanza di serietà di questo centro estetico.
C'è un pensiero che mi affligge: quando mi hanno illustrato sbrigativamente il principio su cui si basa la criolipolisi, hanno sottolineato che le cellule adipose vanno incontro a morte per congelamento e in seguito il grasso non potrà più essere accumulato in quelle zone.
Lei mi dice che gli apparecchi sono depotenziati, ma se io ho effettivamente constatato a pochi giorni dal trattamento un'apprezzabile modifica della silhouette (purtroppo asimmetrica) come si spiega questa perdita di massa?
E in quanto tempo (approssimativamente, giusto per stimare se si tratti di settimane mesi o più) posso sperare che si ristabilisca la simmetria originaria?
[#6] dopo  
284499

Cancellato nel 2013
Il fatto che siano depotenziati non esclude che possano fare danni. Le cellule adipose sottoposte a congelamento muoiono e non si riproducono, perciò l'entità della sua asimmetria deve essere valutata da un medico esperto della sua zona.

Dopo il trattamento la plica che era stata aspirata era rimasta rigida e indurita per una ventina di minuti oppure no?
[#7] dopo  
284499

Cancellato nel 2013
Per essere più chiaro esplicito il concetto: il danno della criolipolisi potrebbe essere permanente sebbene il tempo può alleviare il problema, ma solo un medico esperto in tecnologie mediche con una visita può dirlo con certezza e consigliare eventualmente una soluzione!
[#8] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dr.Oddo,
La ringrazio per la Sua risposta. In seguito al trattamento la zona era arrossata e fredda, non saprei dire con certezza se irrigidita o meno in quanto sono subito stata sottoposta ad un altro ciclo sulla seconda zona da trattare, ed immediatamente dopo a pressoterapia. Sarei maggiormente propensa ad affermare che la consistenza non era rigida(questo è un fatto positivo?), ma come dicevo forse dipende anche dal fatto che la quantità di tessuto adiposo era modesta (tanto che uno dei due macchinari non è riuscito ad aspirare bene la plica, ed in seguito ha perso il vuoto in corso di trattamento).

Credo che consulterò come Lei mi consiglia un medico, sia per affrontare il problema della cellulite con una metodica che sia appropriata oltre che efficace sia nella speranza che si possa intervenire sull'asimmetria che è intervenuta.

Sono indecisa se far presente o meno la cosa al centro estetico, in cui devo comunque tornare per completare le ultime tre sedute di radiofrequenza (mi guarderò bene dall'accettare qualsiasi altra proposta miracolosa mi venga fatta lì)
[#9] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
La mesoterapia potrebbe giovare per trattare la cellulite e sciogliere selettivamente il tessuto adiposo così da ripristinare la simmetria?
[#10] dopo  
284499

Cancellato nel 2013
Salve,
mi fa piacere di esserle stato in qualche modo utile, il fatto che l'apparecchio della criolipolisi non abbia apparentemente ghiacciato bene il tessuto è positivo nel senso che se avesse funzionato bene l'asimmetria sarebbe stata maggiore.

La cellulite (panniculopatia da stasi o fibrosclerotica) è una patologia che ha molte concause e non è facile da trattare, nel senso che si può migliorare e non far vedere ma eliminarla è un'altra cosa. La metodica da lei citata può dare ottimi risultati (ho qualche esperienza riportatami da un collega della clinica che usa (testo rimosso dallo staff) che sembrerebbe essere molto promettente), però da ora in poi si rivolga sempre e solo a medici, meglio se fanno parte di strutture accreditate.

Consideri che la cosa più importante è visitarla per capire che livello di cellulite ha, come è la sua corporatura, capire bene quali sono le sue aspettative e consigliarla in maniera professionale e onesta.

Cordialmente.