Utente 143XXX
Salve,
ho 29 anni, sesso maschile e peso nella norma (buone condizioni fisiche generali), non bevo ne' fumo.
Scrivo per cogliere un parere circa degli episodi di tachicardia che a volte avverto. In genere si verificano (con una frequenza di circa 2 o 3 volte al mese in media ma dipende dal periodo) quando pratico nuoto.
Nuoto circa 2 o 3 volte a settimana (ogni sessione da un'ora) a ritmo abbastanza sostenuto, anche se non a livello agonistico.
Durante questi episodi, avverto una sensazione di tuffo al cuore e i battiti accelerano improvvisamente comportando un senso di appesantimento dell'addome (sento come se i battiti ristagnassero o si amplificassero nello stomaco).
A volte noto presenza di aria nello stomaco nei minuti successivi ma non sempre.
Il tutto comunque non mi impedisce di continuare a nuotare a ritmi sostenuti e non comporta alcun senso di stanchezza, solo un certo disagio e lieve appesantimento nella respirazione (impiego di piu' a rifiatare).
Altre volte mi capita quando sono particolarmente ansioso o teso.
Ho notato che a volte sono innescati da movimenti improvvisi del busto (piegamenti, torsioni improvvise).
In genere i medici (tra cui un cardiologo) con cui ho parlato minimizzano anche perche' gli ECG (a riposo e sotto sforzo) non hanno mai evidenziato alcunche' di anomalo.
Se la memoria non mi inganna, il primo episodio si e' verificato addirittura una quindicina di anni fa.
Ringrazio in anticipo per un feedback.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Al fine di escludere aritmie sarebbe opportuno che lei eseguisse un Holter cardiaco delle 24 ore
Ne parli con il suo medico
Arrivederci
Cecchini
[#2] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la pronta risposta.
Attualmente mi trovo negli USA per lavoro e ci restero' per un po'. Al di la' dell'ottimo consiglio dell'applicazione dell'Holter, Le sembra che questi fenomeni comportino di per se' una situazione di rischio?
Intendo dire, posso continuare a nuotare senza temere che l'insorgenza di questo fenomeno possa avere conseguenze serie?
Ultima domanda: in base alla Sua esperienza a cosa potrebbe essere dovuto?

Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Finche ' non si comprende il tipo di aritmie (ammesso e non concesso che lei ne abbia) e' impossibile darle una risposta concreta
Cordialita'
Cecchini