Utente 287XXX
Salve. Sono una ragazza di 20 anni. Da un mese ho la tachicardia, con mancanza di respiro. In ospedale ho fatto esami del sangue ( unico esame non positivo di chiama Dimero), tiroide, ECG, ecocolordopler, tac con contrasto, holter cardiaco per 24 ore. I risultati sono tutti apposto, apparte l' holter che ha riscontrato una tachicardia di 150 battiti al minuto durata di 5 secondi in un momento di riposo (durante la notte). I dottori non trovano una soluzione al mio malessere, la mia tachicardia va e viene durante il giorno, a volte ho delle fitte o dolori al petto. Cosa posso fare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non saprei dirle...sembrerebbe che il suo non sia un problema aritmico, ma per escluderlo è necessario che durante la registrazione Holter si sia verificato il problema clinico e che sia stato segnalato in modo da permettere al collega che ha letto l'esame di verificare se i sintomi siano o meno dovuti ad accelerazioni non fisiologiche del battito cardiaco. Se ciò non è avvenuto occorre ripetere l'Holter sempre con la speranza che il problema clinico si verifichi durante l'esame.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
Grazie x le sua risposta. Se può essere utile per darmi un consiglio o una risposta, il cardiologo che mi sta seguendo mi ha fatto delle prove e il risultato è che il mio cuore non sente e non riceve sforzi, infatti il mio battito cardiaco sotto leggero sforzo ( trattenere il respiro, spinte con le pancia) e a completo riposo è tra gli 85 e i 95 battiti.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non capisco quello che intende dire...Un cuore che non sente e non riceve sforzi non significa assolutamente nulla...Forse intende che le frequenze cardiache restano immodificate durante sforzi ????.... (ma questo può essere stabilito solo attraverso un test da sforzo o anche semplicemente interpretando i dati dell'Holter e non con le manovre che descrive...).
Forse è il caso di affidarsi a specialisti del settore (meglio un cardiologo con esperienza in aritmologia)...
Saluti
[#4] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
Si intendevo dire quello, mi scusi ma non ne so molto a riguardo. Seguirò il suo consiglio. Grazie