Utente 650XXX
Consulto medico: mia moglie in data 6 marzo, ha sofferto di pnx al polmone destro, dimessa perchè si evidenziava la cicatrizzazione in modo naturale dopo una settimana ha avuto una recidiva per cui i medici hanno ritenuto opportuno intervenire chirurgicamente e a completamento è stato fatto anche il "talcaggio" -non sò se uso il termine corretto per descrivere il fatto - e in conseguenza di tutto questo ci era stato detto che non si sarebbero più avuto eventi simili, almeno a breve.
purtroppo a 19 giorni dall'intervento chirurgico del 01 aprile - effettuato senza problematiche particolari - da sabato 19 aprile è in corso una recidiva che porta ad avere una parte -circa metà del polmone destro- ancora collassato. A maggior precisazione vi dico che trattasi di persona di 50 anni 48 kg per 155 cm con quadro clinico generale nella norma/buono -mi dicono che normalmente questo problema si ha su persone molto più giovani- che gode di buona salute con anche attività fisica buona -faceva 50 km in bicicletta due/tre volte la settimana anche d'inverno e che non fuma.
vi sarei grato se potete darmi qualche consiglio o suggerimanto sul da farsi. cordialmente saluto 21-04-08
[#1] dopo  
Dr. Gian Luca Natali
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
la pleurodesi con talco non garantisce l'assenza di recidive nel 100% dei casi.
Nel caso descritto è presente una recidiva post-operatoria precoce.
E' necessario studiare il polmone con TC ad alta risoluzione per cercare le cause che hanno determinato il pneumotorace e comunque è indicato il reintervento in video-toracoscopia per asportare eventuali zone di distrofia bollosa e ripetere la pleurodesi con tecniche alternazive quali la scarificazione pleurica o la pleurectomia parietale.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 650XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo dott. Natali
il decorso di questa precoce recidiva di pnx post-operatoria è molto positivo, nel senso che il pnx si sta risolvendo in modo naturale (non c'è presenza d'aria e neanche di liquidi) già al terzo girno dall'applicazione del drenaggio.
il problema più importante adesso è cercare di capire perchè ci sono state queste recidive precoci anche dopo l'intervento chirurgico ed è quello che i medici che hanno in cura mia moglie stanno facendo.
sò che hanno fatto analizzare (mi passi il termine non corretto) il vetrino con parti di polmone resecato con l'intervento chirurgico.
la ringrazio della sua risposta -che trovo in linea con l'analisi fatta dai nostri medici- e cordialmente saluto.
virginio 22 aprile 2008
[#3] dopo  
Dr. Francesco Inzirillo
36% attività
0% attualità
12% socialità
SONDALO (SO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Gentile utente
Le cause di PNX spontaneo possono essere molteplici, tra le quali anche la distrofia bollosa ovvero la presenza di alterazioni polmonari per cui sulla superficie si formano (o magari sono presetni sin dalla nascita) delle vere e proprie bollicine con aprete molto sottili.
Il problema è che queste bolle possono essere macroscopiche quaindi si possono resecare per via chirurgica ma possono anche essere molto piccole e quindo non visibili in fase di intervento.
Concordo con il collega che il talcaggio non abolisce del tutto il riscio di collasso polmonare.
Tendenzialmente nei soggetti non anziani preferisco utilizzare altre tecniche quali per esempio la scarificazione pleurica o meglio la pleurectomia che, a mio avviso garantiscono un risultano migliore del talcaggio.