Utente 287XXX
A seguito di un intervento laparoscopico che ha comportato l'inserzione di un catetere. ho cominciato a soffrire di cistite.
Dopo aver fatto una coltura per germi comuni risultata positiva. ho intrapreso la terapia antibiotica a seguito della quale le la coltura sempre per giorni comune è risultata negativa.
Dal momento che continuo ad avere disturbi quali bruciore, urine maleodoranti, volevo capire se fosse opportuno fare la ricerca per i cosiddetti batteri atipici.
Sono certa che esiste la coltura per la ricerca del bacillo di Koch , ma è possibile ricercare anche Ureaplasma e Clamidia nelle urine?
Qual è il medico specialista cui è meglio affidarsi per questi disturbi (essendo io una donna) l'urologo o il nefrologo?
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
BENEVENTO (BN)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Egregia Signora,
il sospetto di una tubercolosi dell'apparato urinario si basa sulla presenza di fattori di rischio (esposizione a soggetti affetti,stati di immunodepressione) associati alla presenza per esempio all'esame urine di piuria acida o di alterazioni caratteristiche a livello dell'apaprato urinario.Nel vostro caso,vi è la correlaizone temporale con l'inserzione del catetere vescicale;di apri apsso una flogosi a livello vaginale propria diq uei batteri atipici,puòessere un ulteriore fattore di rischio per l'insorgenza di infezioni.
Riterrei utile: eseguire un tampone vaginale per micoplasmi,chlamidia,tricomonas,miceti,germi comuni
esame urine ed urinocoltura ogni 15 giorni prevedendo alcune misure di profilassi:
bere almeno 2 litri di liquidi al dì;non trattenere minzione;prevedere ciclo di fermenti lattici per regolarizzare flora batterica intestinale per lameno 15 giorni (lattobacilli ad alto dosaggio).
Nel permanere la sintomatologia dolorosa in assenza di patogeni docuemntati a livello vaginale e vescicale eseguirei una valutazione ecografica dell'apparato urinario (reni e vescica pre e post minzione).
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille per la risposta
Visto che i tamponi cervicali sono un po' fastidiosi e visto che continuo a soffrire di cistite, mi chiedevo appunto se la ricerca di detti batteri atipici si effettuasse normalmente anche nelle urine!
grazie ancora