Utente 288XXX
Salve a tutti.
Ho 35 anni e soffro da sempre di eiaculazione precoce. I miei "tempi" per il 90% dei casi sono al di sotto di 1 minuto.
Il mio primo colloquio medico é stato all'età di 18 anni col medico di famiglia il quale mi aveva rassicurato che con l'avanzare dell'età si sarebbe risolto tutto.
Tutto questo non avvenne... finché mi rivolsi a uno specialista andrologo, il quale, dopo una attenta visita, mi prescrisse degli integratori vitaminici specifici per eliminare eventuali problemi prostatici (cura da seguire per un trimestre), il priligy 30 mg (al bisogno) e mi consigliò di eseguire nel suo ambulatorio un piccolo intervento chirurgico al frenulo (non ricordo il nome specifico)...
Ho iniziato la cura farmacologica con gli integratori, ho usato il priligy all'occorrenza ma dopo un mese circa ho constatato che ero al punto di partenza: con il priligy la mia durata passava a circa 3 minuti, senza duravo meno di un minuto. Sinceramente, mi sono perso d'animo e coraggio non vedendo risultati con tutti i soldi spesi... Tra visita, integratori, priligy e intervento ho speso più di 1000€ e non ho risolto un bel nulla! L'informazione che ho ricevuto finora dai medici é che l'e.p. si cura ma io non ho visto alcun risultato sulla mia persona! Non posso permettermi di assumere priligy per tutta la vita, una confezione di 3 capsule costa circa 40€...
Cosa devo fare più di quello che ho fatto? Devo continuare ad illudermi che dall'EP si può guarire?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
due cose.
Il priligy (o Dapoxetina) è il farmaco meno usato d' Italia per i costi, pertanto chieda al collega di cambiare prescrizone. Di qua non possiamo farlo.
Propabilmente il suo problema è psicogeno, se confermato dal collega, varrebbe la pena pensare a psicologo.
[#2] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente l'eiaculazione precoce è un sintomo abbastanza frequente nell'uomo, infatti ne soffre circa il 30% e nella maggioranza dei casi è curabile. Condivido le sue delusioni ma questo non la deve demoralizzare infatti l'eiaculazione precoce è determinata da situazioni fisiche e psichiche che vanno ricercate e quindi curate. Si rivolga ad un bravo specialista che sia affiancato anche dallo psicologo.

Un cordiale saluto
[#3] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2013
Ringrazio ambedue i sigg. Medici per la risposta. Sono disposto a seguire il vs consiglio tentando l'approccio psicologico della questione.
Grazie di cuore.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo
L' eiaculazione precoce, e' una disfunzione sessuale maschile, caratterizzata da uno scarso controllo eiaculatorio e soprattutto dall' incapacita' del paziente di procastinare " il punto di non ritorno eiaculatorio" .
La cura, sempre dopo valutazione andrologica ed esclusione di cause organiche, e' spesso combinata , farmacoterapia e terapia psicologica, con un particolare lavoro sulle dinamiche correlate alla poliedrica sfera della sessualita' .
Quando si tratta di disfunzioni sessuali, ancor di piu ' in pazienti giovani e psicogeni, non si puo ' trattare la vita sessuale, senza vita psichica/ emozionale/ relazionale.
Le allego qualche lettura

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1358/Eiaculazione-precoce-e-pensieri-ossessivi-e-catastrofici

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1190/Eaiculazione-precoce-cause-da-cattivo-apprendimento-sessuale

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/963/Eiaculazione-precoce-primaria-e-mancanza-d-erezione-secondaria
[#5] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2013
Ringrazio anche la dott.ssa randone per il consulto.
Vorrei sollevare, forse, un polverone...
I costi di queste terapie sia farmacologiche che psicologiche sono "alle stelle" ed io, con il mio solo stipendio misero da operaio non riesco ad affrontare. Ho chiesto ad uno psicologo nella mia zona ed ha "azzardato" un prezzo incerto: €80 a seduta prevedendo almeno 10 sedute in due mesi con il 40% di riuscita. Secondo voi dovrei incoraggiarmi?Le mie finanze non me lo permettono.
Le strutture di sanità pubblica possono venirmi incontro? Offrono servizi idonei ed allo scopo? A chi dovrei rivolgermi?
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Lei ha perfettamente ragione.

Solitamente le terapie, proprio per evitare tempi lunghi ed incognite, si impostano bene sin da subito.
Andrologo e psico/ sessuologo lavorano a braccetto e guidando il paziente verso percorsi chiari, mirati e solitamente risolutivi.

La psicoterapia e' differente dalla terapia mansionale per l' e,p, e' piu' lunga ma ottiene sempre buoni risultati, consideri che non si possono fare preventivi a priori, la psiche ha tempi diversi e non quantizzabili .

Si rivolga alla struttura pubblica a lei piu' vicina, sicuramente trovera' psicologi in convenzione.
Cari auguri
[#7] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2013
Nuovamente ringrazio di cuore.
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Vi sono terapie farmacologiche possono costare poco, e gli psicologi sono disponibili a livello consultoriale gratuito.
Inoltre caro signore la invito a chiarire definitivamente la causa della sua eiaculazione precoce, col suo andrologo di riferimento che la dapoxetina rallenta l' eiaculazione anche laddove esistono problemi organici di ormoni, infiammazioni, e malformazioni del pene. In tali casi organici, l' apporto psicologico può essere nullo.
[#9] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
confermo quanto sostenuto dal dr. Cavallini, serve una visita specialistica per valutare le cause e comunque le terapie farmacologiche hanno costi bassi.

Cordialità