Utente 288XXX
Salve a tutti. Mi rivolgo a questo forum per chiedere un consulto sullo stato di salute di mio padre.

Mio padre ha 60 anni. Da un mesetto ha una tracheite che non ha curato bene e che quindi si è sempre più aggravata. Quando il nostro medico di famiglia l'ha visitato, oltre alla tracheite, gli ha trovato anche il battito accellerato (85 battiti al minuto). Inotre ha il fiato corto e dolori al torace. Il medico gli ha detto che deve ridurre notevolmente il fumo, se non smettere definitivamente e gli ha prescritto una scintigrafia.

Ora chiedo: c'è il rischio che gli possa venire un infarto? Che problema al cuore potrebbe essere? Si può curare??

Siamo davvero molto preoccupati. Ho anche paura a lasciarlo da solo perchè temo gli possa succedere qualcosa.

Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il problema che lei prospetta non sembra essere cardiaco. L'accelerazione del battito è probabilmente secondaria. L'infarto è tutt'altra cosa, sebbene suo padre sia a rischio per il fumo che sicuramente deve smettere. Al momento conviene concentrarsi sulla diagnosi e terapia dei problemi dell'apparato respiratorio.
cordialità
[#2] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno. Innanzittutto grazie per il consulto. Solo un'ultima domanda: c'è il rischio che gli possa venire un infarto improvvisamente? Questa è una delle paure peggiori che ho. Ieri ho dimenticato di aggiungere che mia nonna paterna è morta per ischemia cerebrale. Potrebbe trattarsi della stessa cosa? Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Scusi, ma su che base lei esprime le sue preoccupazioni...non credo che nessun medico si sia espresso in maniera tale da farle porre queste domande ...
L'infarto è un evento che generalmente si verifica in soggetti predisposti con numerosi fattori di rischio. Ora suo padre sicuramente presenta il fumo come importante fattore predisponente, ma questo non significa che possa avere un infarto da un momento all'altro (potenzialmente è possibile, come in tutte le persone come suo padre, ma non è preventivabile) e comunque la sintomatologia attuale non ha alcuna relazione con una simile evenienza. Per l'ictus di sua nonna vale lo stesso discorso.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2013
Mi scusi, la mia preoccupazione deriva dal tono di voce del medico curante. Allora sarà stato lui un pò esagerato? Per il resto grazie mille, è stato molto rassicurante. Saluti e buona giornata.