Utente 288XXX
Gentili dottori. Da circa 3 giorni avverto un "dolore" al testicolo sinistro e un gonfiore ai linfonodi del basso addome. Circa 2 settimane fa avvertii una subtorsione del testicolo, ma passò. Ora, da 3 giorni avverto queste fitte fastidiose. Il fastidio non è proprio del testicolo, ma più nella parte posteriore di questo e si propaga sul canale spermatico fino ad arrivare ai linfonodi (che sono anche gonfi e visibili). Ho assunto Tachipirina il primo dei 3 giorni e il dolore e il fastidio al testicolo è diminuito. Premetto che dall'autopalpazione (qualche settimana fa avvertii un piccolo nodulo, ora non lo avverto più) il testicolo sinistro ha la stessa consistenza, durezza e grandezza dell'altro.
Cosa può essere? su internet i primi risultati sono sempre inerenti a tumori, anche se a me sembra più un epididimite (anche se non ho febbre, ma solo un pò di tosse, raffreddore e spossatezza). Sinceramente sono un pò allarmato e prima di prenotare una visita urologica ho chiesto consulto quì. Grazie a tutti per le Vostre risposte. Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
da quanto descritto probabilmente è un processo infiammatorio, quello che non quadra nel discorso è l'ipotesi di episodi di sub-torsione che è necessario far valutare ad un Urologo o meglio Andrologo con l'ausilio di un ecocolordoppler scrotale. In tali sitauzioni è importantissimo una visita urologica preventiva per confermare l'ipotesi infiammatoria oltre ad essere utile per fare un ceck-up andrologico che alla sua età è consigliabile.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

oltre alle informazioni già ricevute dal collega Scalese, come spesso ripeto da questo sito e vista la sua "giovane" età, approfitti di questi "disturbi-malesseri", per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2013
Gentili Dottori. Vi ringrazio per le Vostre tempestive e rassicuranti risposte. Per quanto riguarda un Urologo di fiducia,ne ho già uno, visto che più di un anno fa mi operai (intervento di circoncisione a causa di un presunto Lichen rivelatosi poi balanopostite cronica). A breve prenoterò una visita urologica, anche se il ero già stato avvertito dal mio urologo riguardo alle torsioni che certe volte interessano i miei testicoli.Qualche mese fa effettuai una ecografia ai testicoli per verificare la presenza di qualche nodulo (a seguito di un infortuneo).
Ho da porgervi una semplice domanda.
Secondo voi è meglio prenotare prima un ecocolordoppler o una visita urologica? Grazie per le Vostre risposte.
Cordiali Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Può anche eseguire prima un ecocolordoppler e poi la visita urologica.