Utente 648XXX
Buongiorno,
ho 36 anni, peso corporeo di 68 Kg, altezza 1,74, fumatore.
Da un paio di settimane avverto un bruciore in fase di minzione contestualmente ad un sensibile calo della libido.
Il bruciore in realtà è tendenzialmente costante per acuirsi, appunto, durante la minzione. Il calo della libido si è manifestato attraverso un generale disinteresse nei confronti del sesso -sensazione nuova- oltre che, nella difficoltà di mantenere l'erezione durante il rapporto.
Ho fatto le analisi delle urine -anche con coltura- ma non ho ancora avuto gli esiti.
Potrebbe trattarsi di cistite, di uretrite o ancora di una prostatite?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro signore,
è difficile dire se i due fenomeni sono collegati, è possibile che il bruciore sia dovuto ad un uretrite, ovviamente per avere una diagnosi certa è consigliabile una visita urologica.
cordiali saluti
Dott. Giuseppe Quarto
www.prevenzioneprostata.com
[#2] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile lettore,
le due problematiche non sono collegate.
Metterei da un lato il calo della libido con il deficit erettivo, calo della libido che potrebbe essere giustificato dal deficit erettivo ma anche viceversa, il dato va approfondito con visita andrologica e diagnostica del caso (vedrei utile un profilo ormonale con testosterone totale + libero, prolattina, LH, FSH).

I disturbi minzionali hanno una origine diversa anche se spesso hanno un riflesso negativo sulla sessualità.

Ci tenga informati se lo ritiene.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 648XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per le risposte.
Ho provveduto nel frattempo ad eseguire le analisi delle urine - con coltura- da cui non è emerso nulla.
Conto di avere i risultati delle analisi del sangue (anche con dosaggio ormonale per la settima prossima)
Nel frattempo mi domandavo: se si tratta di prostatite ritenete utile la somministrazione di un antinfiammatorio generico (quale: OKI, AULIN , ECC,) oppure si renderebbe necessaria la somministrazione di un antibiotico??
Oppure...cosa suggerite in attesa dei risultati del sangue?
Grazie

[#4] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile Utente,
forse non le è chiaro il ruolo che ha un consulto on-line:
Non è possibile fare diagnosi e tantomeno terapia sia per necessità oggettive (non abbiamo fatto alcuna visita) sia per necessità legali.
Ciò Detto, posso aggiungere che questi sono alcuni dei farmaci che vengono usate nelle prostatiti associate ad antibiotici.
Cordiali saluti