Utente 110XXX
Salve,

ho 32 anni e temo di soffrire di eiaculazione ritardata.

Nella mia vita non ho mai avuto relazioni durature e costanti, ho cambiato spesso partner e miei rapporti sessuali sono stati di tipo occasionale. Da qualche anno ormai sono fidanzato, ho consumato rapporti sempre con la stessa partner, ma mi rendo conto di soffrire di un disturbo: riesco a mantenere l'erezione anche per più di un'ora, mi sento eccitato sia durante i preliminari che nel rapporto ma poi non riesco a eiaculare. A volte mi capita di dover penetrare per molto tempo prima di raggiungere il piacere e questo causa stress e dolori fisici nella mia compagna.
Nei casi in cui durante il giorno io abbia più di un rapporto, mi capita di raggiungere l'orgasmo solo una volta.

Se mi fermo a riflettere sulla mia adolescenza, ho sempre concepito i rapporti sessuali da un punto di vista "altruista": ho sempre cercato di dare piacere alla mia partner, tralasciando i miei "bisogni". Ero contento quando le ragazze si complimentavano per la mia durata, mi sentivo quasi orgoglioso. Ora però guardo alla cosa con una maturità diversa, e temo che questa mia "cattiva abitudine" sia diventata cronica.

Aggiungo che di recente mi sono sottoposto a una visita urologia, in cui non mi sono stati riscontrati problemi di natura fisica. Durante la masturbazione mi capita il contrario, eiaculavo quasi subito, adesso invece necessito di una masturbazione vigorosa per provare piacere.

Cosa posso fare per riacquistare il controllo del mio piacere sessuale?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il sintoma riferito potrebbe essere dovuto ad uno stato congestizio/infiammatorio della prostata e delle vie seminali che producono il liquido seminale.Ha mai eseguiro uno spermiogramma con coltura,un'ecografia prostatica e scrotale?Sicuramente il protrarre nel tempo il momento eiaculatorio può non aver giovato ma,con un'opportuna strategia diagnostico terapeutica il quadro clinico andrà a migliorare,limitando al massimo i risvolti psicologici,sempre presenti.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille per la rapida risposta, dottore.

Non ho eseguito nessuno dei test da lei citato, ma solo la classica visita alla prostata da un urologo.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...preferibile una visita andrologica.Cordialità.