Utente 289XXX
Salve, mi chiamo Mario e ho appena 18 anni. Sto con una ragazza da circa 5 mesi, e dopo un mese che stavamo insieme abbiamo deciso di fare l'amore. Premetto che era la prima volta sia per lei che per me, e che io ero un pò agitato. Durante i preliminari non ho avuto nessuna erezione (quasi 15 minuti di preliminari) ma le mie mutande erano molto bagnate, come mi accade spesso anche quando siamo in situazioni particolari, ma in ogni caso non sono riuscito ad avere una minima erezione neanche con il suo aiuto. Questa situazione mi ha preoccupato per circa una settimana e non riuscendone a parlare con nessuno stavo veramente molto male. Poi mi sono ripreso leggendo su internet che poteva trattarsi di "ansia da prestazione" e quindi ho deciso di far passare un pò di tempo prima di provare ad avere un altro rapporto sessuale. Dopo circa un mese si ripresenta l'occasione, ma il problema c'è sempre, tutto uguale alla prima volta. Ora sono due mesi che cerco di evitare il più possibile situazioni intime con la mia ragazza ma in questi ultimi giorni leggendo su internet anche altri casi di altre persone e ho capito che dovevo parlarne con un esperto. Mi sono rivolto a questo sito perchè ho vergogna di raccontare questa storia di persona a un medico, a un mio amico o a un mio familiare. Spero in un vostro aiuto perchè veramente non sopporto più questa situazione. Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

la giovane età, "la prima volta" per entrambi ecc. aumentano i timori e le ansie generando problematiche psicologiche che hanno riflessi negativi sull'erezione, a cui si aggiunge l'esperienza negativa che scatena ancora di più le stesse problematiche. Si confronti prima con lo specialista che servirà anche come visita preventiva e quindi per confermare se è presente una forte componente psichica.

Un cordiale saluto