Utente 201XXX
Salve, sono un ragazzo di 24 anni e da due anni ho un rossore al livello del glande.
Non ha mai cambiato forma e si presenta come un arrossamento con ipersensibilizzazioni alternate da complete desensibilizzazioni.
Tampone uretrale negativo e biopsia che delinea esclusivamente un infiammazione e in questi 2 anni ci ho applicato, su consiglio di vari specialisti urologi e dermatologi, di tutto. Ho effettuato anche una circoncisione con risultati quasi nulli.
Ho un profilo autoimmune descritto nel mio profilo utente che invito a visionare.
Chiedo, dati i risultati negativi, se la possibilità da escludere non possa risiedere anche a livello della prostata, dato che a volte avverto come degli spasmi nella regione del perineo e che nessuno ha mai valutato. Un altra nota che ritengo fare presente è che a volte ho difficoltà a mantenere l'erezione anche se ho sempre ipotizzato che il problema potesse essere dovuto alla iper/desensibilizzazione. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non esiste una correlazione tra la fenomenologia balcanica e la problematica sessuale e/o prostatica.Credo che il collega urologo abbia,in questi anni,indagato lo stato prostatico per cui non resta che valutare il benessere sessuale legato alla funzione erettile mediante un ecodoppler penieno dinamico,qualora la disfunzione erettile dovesse procrastinarsi,assieme ad una valutazione ormonale.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

è mia personale impresssione che certe volte il medico si ostina a trattare una problematica del pene e del prepuzio con vari tipi di creme che , alla fine, possono essere motivo di sensibilizzazione locale con persistenza accentuazione dei disturbi.
E' chiaro che un problema al pene debba esssere capito ( è colpa del frenulo,del prepuzio, dell'uretra anteriore, dell'uretra spongiosa, della prostata.....??) e poi il corretto trattamento, in genere assai breve
Senta una diversa opinione se i suoi problemi persistono
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 201XXX

Iscritto dal 2011
@ Izzo La prostata non è mai stata controllata perché reputata impossibile come causa. Ecocolordoppler e ormoni eseguiti ma tutto regolare, difatti non sono ritornato dallo specialista, in relazione alla disfunzione erettile.

@ Ho eseguito la frenulotomia nel 2009 e la circoncisione nel 2011 dopo consulto con 2 urologi, i quali sostenevano tesi contrapposte.
Uno sosteneva la presenza di problematiche meccaniche tali da rendere necessaria la circoncisione e l'altra il contrario. è esplicito il fatto che abbia scelto la diagnosi del primo.
Dato che i sintomi persistevano mi sono recato da vari dermatologi.
Ieri ho iniziato una "cura" con il quarto specialista in dermatologia.


[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...ci aggiorni al termine dela terapia,se ritiene.Circa la problematica sessuologica,no Le è stata prescritta nessuna terapia?Cordialità
[#5] dopo  
Utente 201XXX

Iscritto dal 2011
@ Sinceramente non sono mai tornato dall'andrologo, esclusivamente perché avendo detratto le cause fisiche ho presunto che il problema potesse essere, o il fastidio provocato dal rossore, oppure la condizione psicologica di cui ho pensato l'andrologo avesse pochi poteri. Mi consiglia di ritornare dall'andrologo?
[#6] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...un andrologo dedicato difficilmente "liquida" il Paziente senza una terapia o,comunque,proporre un contatto psicosessuologico sinergico e non alternativo.Cordialità.