Utente 289XXX
Gentili medici,
volevo sapere se l'eiaculazione precoce è di competenza dell'andrologo o dell'urologo. Nel mio caso dopo la prima eiaculazione (che interviene dopo circa 30 secondi dall'inizio della penetrazione), la seguente seconda erezione risulta dolorosa (il dolore è localizzato nell'area tra lo scroto e l'ano, come se interessasse la musculatura appunto responsabile dell'erezione), inoltre saltuariamente dopo l'eiaculazione avverto bruciore ad urinare. Pensando che magari possa trattarsi di un fenomeno infiammatorio delle vie uro-seminali incidente sull'eiaculazione rendendola precoce, mi domando se debba rivolgermi ad un urologo, o se forse sarebbe meglio comunque ricorrere ad un andrologo, dato che gli effetti sono di fatto incidenti sulla mia vita sessuale (infatti nn riesco a far raggiungere l'orgasmo alla mia partner con la prima erezione, e nn ho modo di recuperare con una seconda erezione, presumibilmente più duratura, perchè provo dolore). Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

l'eiaculazione precoce è un sintomo abbastanza frequente nell'uomo infatti ne soffre circa il 30 % e nella maggior parte dei casi si può curare con risultati definitivi. E' fondamentale rivolgersi allo specialista urologo oppure andrologo, che valutata la problematica potrà impostare una terapia medica e/o psicosessuologica con il supporto dello psicologo.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la pronta risposta, ma pensa che nel mio caso sia più opportuno ricorrere ad un andrologo o ad un urologo? È questo l'amletico dubbio.
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
le ho già risposto che è la medesima cosa, l'importante è che abbia competenze sull'argomento e cerchi di non essere così amletico.

Cordialità
[#4] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
la ringrazio ancora
distinti saluti
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
prego
[#6] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Se me lo consente, vorrei porle un ulteriore quesito. So che come meri palliativi, senza alcuna soluzione in via definitiva del problema, si possono utilizzare preservativi ritardanti e un farmaco, il priligy. Essi sono efficaci anche qualora l'eiaculazione precoce non abbia una causa psicogena, ma organica?

P.S. ovviamente so che devo affrontare il problema alla radice, ma penso che (dato che, in base a quanto ho letto, questi problemi non hanno una soluzione rapida, ma richiedono pazienza) un aiuto temporaneo possa essere utile per rasserenare nell'attesa la mia vita di coppia.
[#7] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
i preservativi ritardanti sono un paliativo infatti non risolvono il problema e comunque se non li ha mai provati può sempre iniziare, mentre per il priligy serve una prescrizione medica dopo una diagnosi.

Se fosse una eiaculazione precox organica ad esempio da infezione non risolverenbbe comunque il problema, si consulti con lo specialista e la sua vita di coppia sarà più serena.

Ancora cordialità
[#8] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Ho capito, grazie, la sua tempestività è veramente esemplare!