Utente 289XXX
Buongiorno, mi chiamo Valentina e ho 25 anni. Quasi tre anni fa iniziai a soffrire di ansia, superata per fortuna senza l'aiuto di farmaci ansiolitici anche se ammetto che qualche strascichino c'è, ma credo sia normale. Due anni e mezzo fa sono iniziate le extrasistoli, a mio avviso molto fastidiose, che sto iniziando a prendere in modo diverso, ovvero non preoccupandomi all'inverosimile. Ho fatto prima di questo periodo di ansia delle visite cardiologiche di cui una sotto sforzo dove il mio cuore risultava sano e nell'ultima leggermente tachicardico. Ho notato che nonostante siano diminuite molto negli anni (anche se nei periodi di stress aumentano) me le ritrovo in situazioni comuni, ad esempio durante il periodo mestruale oppure quando esco da una situazione di ansia, ma tutto questo a riposo. Faccio palestra (per questo farò una visita cardiologica sotto sforzo) e non mi è mai capitato (se non una volta che stavo facendo uno sforzo eccessivo). Faccio attività cardio con il cardiofrequenzimetro e cerco di mantenere il battito a 145/150 ma non ho mai avvertito un'extrasistole. Forse cerco un po' di conforto non lo so, ma mio padre è cardiopatico e non vorrei essere cardiopatica alla mia età. Ho letto che le extrasistoli spesso sono benigne, ma il fatto di sentire un battito mancato mi mette un po' paura. Volevo fare l'holter ma non avendole tutti i giorni non so quanto converrebbe. Spero di ricevere risposta. Buona giornata!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente
mi sento decisamente di tranquillizzarla...del resto credo che lei stia affrontando il problema dell'extrasistolia nel migliore dei modi, ossia non dando loro più importanza di quanto non ne abbiano. Il fatto che suo padre sia cardiopatico non significa matematicamente che lo diventerà anche lei (tantomeno che lo è già per la presenza delle extrasistoli). Viva serenamente la sua età.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille Dottor Rillo. Il fatto che abbia chiesto un consulto a Lei in quanto specialista non toglie che non vada comunque a fare la visita sotto sforzo. Prevenire è meglio che curare come si dice. In ogni caso mi ha tranquillizzata moltissimo e ammetto che a distanza di tempo la paura per qualcosa di grave si è tramutata in un vero e proprio fastidio in quanto sono giovane e sana, ho superato l'ansia combattendo con le unghie e con i denti ma finchè non avrò "eliminato" anche questo problema non posso dichiararmi effettivamente una vincitrice. Appena potrò mi farò visitare per l'idoneità a fare attività fisica. La ringrazio di nuovo per la cordialità e la disponibilità! Le auguro una meravigliosa giornata e buon lavoro.
Valentina