Utente 289XXX
Salve,
ho 28 anni e da qualche tempo noto un fastidio alle dita medio e anulare della mano sinistra. Inizialmente pensavo di aver preso freddo, perchè la sensazione somiglia molto a quella di un dito gelato, infatti noto piacere riscaldando la mano con un guanto o con dell'acqua calda. Dopo qualche giorno, però, mi sono resa conto che è quasi simile a un bruciore. Premetto che sono destra e non mancina, utilizzo spesso il computer per lavoro, non suono strumenti o gioco a tennis e non sono mai stata operata alla mano.
Giovedì prossimo ho appuntamento con un medico, ma vorrei sapere cosa ne pensate e cosa potrebbe essere secondo voi.
Aspetto una risposta,
Grazie mille!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

se la sensazione è come di intorpidimento o di formicolio, potrebbe trattarsi di un disturbo neurologico.

In questo caso il Collega le farà fare un'elettromiografia all'arto superiore.

Se toccando con l'altra mano le due dita la temperatura le risulta normale, tale ipotesi è verosimile; se invece al tatto le sembrano più fredde, si tratta verosimilente di un problema circolatorio periferico.
[#2] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottore,
grazie mille per la risposta.
In realtà non sento alcun formicolio ma più un bruciore interno, ma il dito resta sensibile non mi sembra intorpidito.
Sta di fatto che oggi mi sono svegliata senza alcun disturbo...Com'è possibile?Dunque non ho fatto in tempo a notare la temperatura delle dita. Potrebbe ripresentarsi e non essere stato un caso isolato?

Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Potrebbe trattarsi di un fatto isolato.
[#4] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille dottore.
Oggi, piegando il dito anulare, e premendo leggermente ho notato che è un pò indolenzito, ma davvero poco. Potrebbe essere tendinite? Ma alla mano sinistra che non uso?
La ringrazio ancora!
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Potrebbero essere tante cose, ma il fatto che il dolore sia già scomparso (o quasi) indica che si tratta di un problema banale.
[#6] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno dottore,
qualche giorno fa sono andata dal mio medico base ma mi ha detto che non dovevo pensarci perchè non mi era più tornato il fastidio.
Ieri però l'indolenzimento all'anulare si è ripresentato. Ho notato che si ripresenta quando fa più freddo. È un leggerissimo indolenzimento che si è proteso un pò fino al braccio e all'avambraccio sempre sinistro. Stamattina mi sono svegliata senza dolore ma con un leggerissimo formicolio, quasi impercettibile ad entrambe le braccia. Crede che sia meglio che vada al pronto soccorso o da quale medico affinchè mi controlli?
La ringrazio anticipatamente,

Saluti cordiali.
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Onestamente non farei nulla al momento: si tratta di disturbi di modesta entità e passeggeri.

Le conviene aspettare una o due settimane.
[#8] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Salve dottore,
ho fatto come mi ha detto anche se venerdì ho una visita con l'ortopedico-traumatologo.
Ieri ho avuto un pò di formicolii prima alle braccia, poi alle gambe tutta la giornata. Come degli aghetti che pungono. Poi stamattina sono spariti anche se ogni tanto ne sento qualcuno leggero. Sono davvero preoccupata. Lei crede che possa trattarsi di un sintomo di sclerosi multipla?
Grazie,

Saluti.
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Non esageriamo.

Ritengo molto più probabile che il suo vero problema sia l'ansia.
[#10] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Salve dottore,
volevo aggiornarla sulla mia situazione per sapere anche un suo parere.
I formicolii sono continuati, alle mani, alle braccia, piedi e gambe e sensazione di indolenzimento interno. Sono andata dal neurologo e dopo una visita sulla sensibilità mi ha detto di non aver riscontrato nulla e che ero perfetta sotto quel punto di vista. I formicolii sono continuati fino a che questa mattina nello svegliarmi ed alzarmi da letto il mio collo ha fatto "clack": completamente bloccata. Sono andata all'ospedale e il medico mi ha riscontrato una contrattura cervicale dalla quale mi ha detto dipendeva questo doloretto e questa specie di formicolii. C'è da dire che pratico yoga una volta alla settimana e credo di essermi sforzata a fare degli esercizi senza adeguato riscaldamento. La mia domanda, però , è: è possibile che una cervicale possa provocare questa sensazione fino alle gambe? o sarà che questi esercizi hanno "premuto" fin troppo sulla mia colonna?
Grazie mille!
[#11] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Certamente no.

Si tratta di due distretti completamente diversi e indipendenti tra loro.

Potrebbe anche esserci una patologia della colonna vertebrale lombo-sacrale.
[#12] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Perfetto.
Dunque cosa pensa che sia meglio fare nel mio caso? Aspettare come va il trattamento o richiedere magari una risonanza o altro?

La ringrazio,

Saluti
[#13] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Aspettare.
[#14] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottore,
l'aggiorno sulla mia situazione.
In questi mesi ho effettuato una risonanza encefalo e midollo cervicale e lombare dalla quale è uscito tutto nella norma. Ecografia alla tiroide perfettamente normale. Due analisi del sangue nella norma, tre visite neurologiche nella norma. Visita reumatologica e ortopedica idem.
Il fisioterapista mi ha riscontrato solo alcune contratture a livello cervicale e lombare e mi è stato detto che il mio problema è la cattiva postura e l'ansia. Sto cominciando a convincermi ma vorrei chiederle un parere.
La sensazione di bruciore al dito continua. In realtà credo derivi da un dolore cervicale continuo (nella parte sinistra ho avuto anche un torcicollo a causa del quale non riuscivo a muovere il collo dalla parte sinistra) che si irradia alla scapola sinistra e a volte lungo il braccio, fino al dito che, in alcune circostanze, trema per qualche secondo. Lei crede che si tratti davvero di una cattiva postura o devo effettuare ulteriori accertamenti? Mi sento il braccio sinistro un tantino più indebolito anche se dalle visite neurologiche questo non è stato rilevato dai medici.
Grazie mille.
[#15] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Un bruciore a un dito non può dipendere da una postura sbagliata.

La sensibilità del dito è normale ?

L'ortopedico ha escluso fatti infiammatori a carico dei tendini flessori ?
[#16] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
gentile dottore
il medico non mi ha parlato di una possibile infiammazione. Mi ha studiato bene il dito a livello clinico e mi ha detto che sarebbe passato perchè è normale che io abbia questi problemi data la mia lassità muscolare. Il dito ha una sensibilità normale e solo ultimamente noto che questo leggero bruciore o indolenzimento non costante si irradia dal collo alla scapola e a volte questo dito trema. Un tremolio molto rapido. Che cosa mi suggerisce di fare?
[#17] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
un'altra cosa: mi è stato anche detto che potrebbe essere cervicobrachialgia. E' possibile? Ma non sarebbe dovuto uscire dalla risonanza?
grazie mille
[#18] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Personalmente non credo si tratti di cervicobrachialgia.

Purtroppo, non posso valutare nel dettaglio una situazione senza possibilità di una visita diretta.

Posso solo aiutarla a orientarsi sulla base delle valutazioni fatte dai Colleghi che hanno preso visione della situazione.
[#19] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
d'accordo dottore farò come mi ha detto. Una cosa: un'infiammazione tendinea comporta anche rigidità al collo, indolenzimento al braccio e alla scapola?come può essere diagnosticata?solo con un esame clinico o ci sono delle prove concrete? Grazie mille
[#20] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
No sono due cose differenti.

Gli altri sintomi farebbero pensare a una cervicobrachialgia.

Deve essere valutata clinicamente.