Utente 260XXX
Gentili dottori. Nel mese di novembre la mia ragazza dopo essersi resa conto di avere delle strane escrescenze nella vagina si è recata da un ginecologo dove ha effettuato il paptest con colpo scopia. E' emerso che aveva sviluppato una lesione di basso rischio ed ha usato la crema "Ald..a" per riuscire a eliminare i condilomi più una serie di integratori per migliorare le difese immunitarie. Presso il ginecologo in cui ha effettuato la colposcopia, io ho effettuato una peniscopia con acido acetico. Il risultati della peniscopia furono negativi e non emerse nulla di anomalo. Premetto che stiamo insieme da luglio e nei primi mesi ci eravamo limitati solo a baci, masturbazione e sesso orale praticato da lei su di me. Nel mese di dicembre abbiamo avuto il primo rapporto sessuale protetto con preservativo. Abbiamo aspettato che il suo ginecologo le dicesse che non aveva più condilomi e siamo stati molto attenti ad evitare possibili contatti nelle zone esterne in cui aveva sviluppato questi condilomi. In questi ultimi due mesi lei mi ha praticato sesso orale senza protezione.
1) C' è il rischio che lei avendo l'hpv nella vagina lo potesse avere anche in bocca ( magari causato dal sesso orale praticato con l'ex) . e che questo abbia potuto contagiare me a livello orofaringeo e genitale tramite sesso orale ?
Io controllo ogni giorno il pene per vedere se noto qualcosa di anomalo ma non riesco a notare nulla di strano. A livello della bocca idem , non noto nulla se non un pallino molto piccolo presente sul frenulo linguale superiore, ma potrebbe essere un qualcosa che ho da sempre ed a cui ho fatto caso ora.
2) il fatto che non abbia sviluppato condilomi visibili come devo interpretarlo??? una cosa positiva, negativa , preoccupante ??
3) per mancanza di disponibilità economia ancora non ho fatto la peniscopia di controllo dopo tre mesi dalla prima (avrei dovuta farla a fine gennaio). se a seguito di questa non risultasse nulla potrei essere tranquillo o ci sarà sempre il rischio di un contagio possibile anche se non manifestato
4) quali sono i reali rischi per l'uomo??? cosa rischio nell'averlo anche senza manifestazioni cliniche visibili. Su internet si legge tutto e il contrario di tutto e no so davvero cosa credere. quando chiamo per informarmi se si effettua la peniscopia molti non sanno nemmeno cosa sia... Lo studio presso cui andarlo a fare mi ha parlato anche di prelievo HPV genotype . Non so di cosa si tratta . E' un test attendibile per capire se il virus è presente nell'organismo ???
Io e la mia ragazza stiamo vivendo questa vicenda come un incubo. siamo stanchi preoccupati e confusi. vi prego di darci delle risposte chiare perchè abbiamo chiesto a tanti medici ma ci hanno dato risposte contradditorie e antitetiche.
Vi ringrazio sentitamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile ragazzo,
Il virus HPV é presente in un'altissima percentuale della popolazione ed una volta contratto rimarrà nei tessuti per un perdo di tempo che è impossibile stabilire con rigore scientifico. La diagnosi é in grado di determinare una condizione psicologica devastante e, come lei sottolinea, spesso i messaggi che riceve sono contraddittori e poco chiari.
Premesso che comunque la materia é oggetto di studi continui, le posso suggerire di ridurre il grado di preoccupazione che ora dimostra: se non ha lesioni cliniche evidenti il problema non sussiste. Gli HPV potrebbero trovarsi nel tratto orofaringeo, è cosa nota da tempo, ma per determinare lesioni cancerose devono coesistere dei cofattori quali la presenza di ceppi cancerogeni, il fumo di sigaretta, l'alcol, l'immunodepressione in generale. Una volta che la sua partner non avrá più lesioni clinicamente visibili, per un periodo che convenzionalmente potremmo stabilire sui sei mesi, é possibile il ritorno ad una vita sessuale normale, fermo restando che per la donna è indispensabile un controllo ginecologico con pap test annualmente.
Cordiali saluti