Utente 290XXX
Buongiorno
Vorrei renderla partecipe circa la mia situazione. La scorsa volta sono stato con una ragazza che non conoscevo ed ho praticato sesso anale però utilizzando fin dall'inizio il preservativo. Alla fine del rapporto ho controllato il preservativo ed era tutto intatto. Ho domandato alla ragazza il suo stato di salute attuale e mi ha detto che non ha nessuna malattia. Non conoscendola però, non ho la certezza al 100%!! Secondo lei, considerando la situazione descritta, ho avuto il rischio di prendere qualche malattia?? Ad ogni modo, dopo 2 settimane dal rapporto, facendo il test Hiv, posso avere un risultato da considerare,anche se non definitivo?

Grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente il preservativo ben utilizzato tutela da qualsiasi rischio di HIV; purtroppo così non è per altre malattie sessualmente trasmissibili come la sifilide i condilomi i molluschi contagiosi e l'herpes genitale in primis: il consiglio pertanto in caso di nuove lesioni o dubbi persistenti di contattare il venereologo nella sua zona
[#2] dopo  
Utente 290XXX

Iscritto dal 2013
Grazie Dott. per la sua risposta.

Ad ogni modo, mi sono dimenticato di dirle che ho ricevuto anche del sesso orale senza preservativo. Inoltre dopo quattro giorni dal rapporto ho incominciato ad avere un forte raffreddore ed il giorno dopo anche febbre fino a 38 durato solo un giorno, con faringite.
Questi sintomi possono essere un campanello d'allarme per l'arrivo di una malattia a trasmissione sessuale?

Grazie
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
No, non mi pare...
[#4] dopo  
Utente 290XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno Dott. Laiano.

Ieri mattina sono andato dal venerologo perchè oltre a spiegargli la mia situazione, in questi giorni ho notato di avere un lieve bruciore ad urinare. Il dottore mi ha effettuato un tampone uretrale, ed il risultato della prova è stato di essere positivo alla Clamidia.
Il trattamento prescritto: Azitromicina 1gr + Cefixima 400mg da prendere solo una volta (monodose).

Adesso mi trovo a meno di 24h dalla visita, con un dolore molto più forte all'urinare, rispetto all'inizio (cioè prima della visita). Questo dolore che è aumentato notevolmente, può essere dato dallo sfregamento del tampone uretrale?? Dopo quanto tempo fanno effetto i medicinali prescritti? Devo sottopormi ad un altro esame fra poco,per avere la conferma della eliminazione della Clamidia?

Grazie
Cordiali Saluti.