Utente 484XXX
Salve, a seguito di una influenza (1 solo giorno di febbre) ho avuto tosse per un mese. Ancora non mi è passata del tutto ma mi è venuto un indolenzimento alle costole del lato destro, qualche cm sotto il capezzolo e spostato sul fianco. L'indolenzimento diventa dolore quando tossisco, quando ispiro/espiro ampiamente e alla pressione del punto. Ho pensato potesse essere un risentimento che derivasse dai continui colpi di tosse. Comunque mi sono fatto visitare dal medico di base che mi ha detto che sta tutto a posto prescrivendomi un antinfiammatorio. Negli ultimi due giorni il dolore non è passato e a volte mi si irradia al disotto delle costole sul fianco (quasi come una colica); è possibile che possa derivare da un problema al fegato? Ho sempre sofferto di dolori al fianco destro e anni fa con un'ecografia mi è stata rilevata una colecisti ipertonica, ma il fegato è sempre stato apposto. Oltre a farmi le analisi del sangue, che tipo di indagine dovrei fare?
[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

è molto probabile che si tratti di una nevralgia costale conseguente ai continui colpi di tosse e la prescrizione fatta dal Curante, dopo averLa visitata, dovrebbe tranquillizzarLa sul sintomo.


Cordiali saluti.
[#2] dopo  
48491

dal 2013
Grazie Dottore,
ma a distanza di 2 settimane il dolore non è passato anzi ....la parte a destra dello sterno mi fa sempre molto male sia quando faccio lunghi respiri, sia quando mi premo un po' le costole. E' sempre quel dolore interno come se fosse subito sotto le costole. Diventa molto forte quando dormo in posizione prona e quando in posizione supina vado per tirarmi su.
Farò al più presto una radiografia al torace, ma non capisco più se è qualcosa legata alla passata influenza con forte tosse o altro e il mio medico continua a dire che non è nulla, ma sempre un risentimento dovuto, appunto, alla tosse. Boh!