Utente 290XXX
Salve a tutti,
Mi chiamo giovanni e ho 23 anni.
Espongo brevemente il mio problema.
A fine ottobre 2012 ho avuto un problema durante un rapporto sessuale. In pratica si è lacerato il filetto (frenulo) con conseguente sanguinento non preoccupante. Incurante dei possibili problemi, dopo una settimana ho riprovato ad avere rapporti, ma ahimè, si è lacerato nuovamente. Così mi son deciso finalmente a chiedere un consulto medico. Diagnosi finale, frenulo breve e conseguente lacerazione, risolvibile con plastica di allungamento del frenulo.
Intervento correttamente eseguito in data 3-12-12, 1 giorno di riposo e 1 mese di astensione da rapporti. L'andrologo mi prescrisse di pulire per almeno 5 giorni la cicatrice e aspettare che i punti si riassorbano completamente, prima di poter applicare rilastil crema per 20 giorni, per rielasticizzare la cute sottoposta ad intervento.
Seguito tutto l'iter alla perfezione, ho ripreso ad avere rapporti sessuali scoperti, però già alla prima penetrazione ho avvertito un dolore fortissimo, e con mio grande rammarico scopro una lacerazione all'altezza dell'attaccatura del "nuovo" frenulo. Questa volta chiedo subito consiglio all'andrologo, che mi consiglia un'altro intervento correttivo. Io però mi rivolgo ad un altro andrologo che mi prescrive l'utilizzo di crema cortisone (legederm) per 10 giorni e l'utilizzo di rilastil per altri 30. Chiedo consiglio a voi, che sicuramente vi sarà già capitato di avere pazienti con gli stessi problemi.
Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,ha la fortuna di poter afferire a molti andrologi sul territorio,per cui non posso che condividere le strategie terapeutiche post operatorie propostoLe.Cordalità.