Utente 263XXX
Sono affetta da sclerodermia con positività per fosfolipidi con interessamento miopatico e polmonare DLCO 45% per cui assumo da 7 mesi Deltacortene 25 mg 1/2 c al giorno inoltre assumo Aspirinetta, Adalat crono 30 (non sono ipertesa ma l'assumo per il reynaud), Nexium 40 e Actonel 35 Ora all'esecuzione dell'ecocardio è emerso quanto segue: Insufficienza lieve mitralica,aortica e tricuspidale PAP mmHg 37 FE ispessita 70% disfunzione diastolica intermedia tra I-II stadio, fibrosclerosi valvolare mitroaortica. Resistenze polmonari lievemente aumentate. Per cui aggiunta alla terapia Enalopril 5 mg 1 alla sera. Mi stanco per un nonnulla e quello che mi fa stare peggio è la mancanza di fiato per sforzi minimi e a volte anche a riposo. Premetto che non bevo e non fumo. Vi chiedo, la malattia stà evolvendo verso lo scompenso cardiaco? Quali prospettive mi si presentano per il futuro? Quando i problemi respiratori sono piu marcati l'ossigeno sarebbe utile? Vi ringrazio anticipatamente se vorrete rispondermi.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
il riscontro di una lieve disfunzione diastolica all'ecocardiogramma non è necessariamente segno di un peggioramento della funzionalità cardiaca, visto che tale alterazione è comunque in buona parte legato anche all'età. On line è difficile, in assenza di parametri clinici più chiari, indicare l'eventuale utilizzo in futuro dell'ossigeno. Le sue domande, per la loro importanza, andrebbero certamente rivolte al clinico che la segue.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Grazie infinite per la risposta. Saluti.