Utente 263XXX
Sono affetta da sclerodermia con positività per fosfolipidi con interessamento miopatico e polmonare DLCO 45% per cui assumo da 7 mesi Deltacortene 25 mg 1/2 c al giorno inoltre assumo Aspirinetta, Adalat crono 30 (non sono ipertesa ma l'assumo per il reynaud), Nexium 40 e Actonel 35 Ora all'esecuzione dell'ecocardio è emerso quanto segue: Insufficienza lieve mitralica,aortica e tricuspidale PAP mmHg 37 FE ispessita 70% disfunzione diastolica intermedia tra I-II stadio, fibrosclerosi valvolare mitroaortica. Resistenze polmonari lievemente aumentate. Per cui aggiunta alla terapia Enalopril 5 mg 1 alla sera. Mi stanco per un nonnulla e quello che mi fa stare peggio è la mancanza di fiato per sforzi minimi e a volte anche a riposo. Premetto che non bevo e non fumo. Vi chiedo, la malattia stà evolvendo verso lo scompenso cardiaco? Quali prospettive mi si presentano per il futuro? Quando i problemi respiratori sono piu marcati l'ossigeno sarebbe utile? Vi ringrazio anticipatamente se vorrete rispondermi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
il riscontro di una lieve disfunzione diastolica all'ecocardiogramma non è necessariamente segno di un peggioramento della funzionalità cardiaca, visto che tale alterazione è comunque in buona parte legato anche all'età. On line è difficile, in assenza di parametri clinici più chiari, indicare l'eventuale utilizzo in futuro dell'ossigeno. Le sue domande, per la loro importanza, andrebbero certamente rivolte al clinico che la segue.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Grazie infinite per la risposta. Saluti.