Utente 290XXX
Buongiorno
scrivo per avere un confronto sul tema di seguito.
Circa 10 giorni fa ho cominciato ad avvertire un dolore al premolare sx in basso. Dopo qualche giorno sentivo molto chiaramente il freddo ma non il caldo. Il dolore è costantemente cresciuto sino a diventare realmente insopportabile.
Il dentista a cui mi sono rivolto, particolarmente scrupoloso a mio avviso come approccio generale, ha proceduto alla devitalizzazione del dente, procedura a suo parere correttamente riuscita. Ha realizzato lastre prima durante e dopo l'intervento spiegandomi i dettagli della mia situazione.
Mi ha dato augmentin 1gr due volte al giorno e Oki al bisogno.
Tutto ciò è avvenuto venerdì mattina.
Oggi è martedì e nonostante il dolore sia (blandamente) calato, rimane l'impossibilità di toccarlo anche con la lingua perché questo mi provoca dolore forte. Non parliamo della pressione esercitata nel caso di una casuale masticazione involontaria.
Stanotte mi ha svegliato per l'ennesima volta e mi ha tenuto sveglio come al solito. Il
dolore è il medesimo identico percepito prima della devitalizzazione: parte dal dente in questione, si irradia su un altro dente verso il centro della bocca, e verso l'orecchio.
Ripeto il quadro si è leggermente modificato per ciò che riguarda il dolore, ma la zona rimane pesantemente infiammata o infettata, non so, e la mia qualità di vita decisamente bassa al momento. Se non prendo Oki davvero difficile essere quasi normali e dopo 4 giorni di antibiotico francamente il controllo del dolore è deludente. Il dente é un po' gonfio e "alto"dice il medico dal quale sono stato per un controllo dopo 3 giorni di dolore assurdo.
Aggiungo che la sensibilità al freddo è completamente scomparsa e questo deporrebbe, a mio umile avviso, per la buona riuscita della devitalizzazione.
La domanda è: questo dolore forte e sempre presente (tranne quando prendo Oki) è tutto sommato normale a 4 giorni dal primo intervento? Anche la mia capacità di parlare e semplicemente muovere la lingua all'interno della bocca è diventata molto limitata.non parliamo di mangiare, ok che mi fa bene così calo ma francamente comincio ad essere sul disperato dopo svariate notti da incubo.

Mille grazie in anticipo
Buon lavoro

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo De Carli
28% attività
0% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile Paziente,

non è possibile darle una risposta precisa al suo problema senza una visita clinica e senza una RX endorale.

Se a distanza di 4 giorni dall'intervento permane una sintomatologia importante come quella riferita, evidentemente c'è un problema non risolto, ma noi non sappiamo come è stata effettuata la terapia canalare (è stata utilizzata la diga di gomma per isolare il dente dal resto della bocca?), non sappiamo se lo spazio endodontico (canale/i radicolare/i) è stato correttamente deterso e preparato, non sappiamo se del materiale è fuoriuscito dall'apice determinando una reazione periapicale acuta (ovviamente è auspicabile che non sia stata utilizzata nessuna pasta "devitalizzante"), non sappiamo come è stato otturato lo spazio endodontico.

Il suggerimento è di ritornare dal suo dentista oggi stesso perchè solo lui, che ha effettuato l'intervento, può rispondere a queste domande: il fatto che non avverta più gli stimoli al freddo non è significativo per dire che la terapia canalare è stata efficace.

Cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Non è tanto il fatto che sia sparita la sensiilità al freddo ma la presenza di forte dolore e il gonfiore che depongono per qualche problema. Il suo odontoiatra dovrà scoprirne l'esistenza e risolverlo, in quanto solo lui può sapere la situazione del dente. Una rx di controllo è obbligatoria.
Saluti