Utente 589XXX
Ho recentemente avuto la mia prima manifestazione di herpes genitale, curata con l'aciclovir e durata in totale 10 giorni scarsi.
Sono in attesa della visita ginecologica e di poter quindi approfondire la situazione con un medico, ma purtroppo ho ancora da attendere 15 giorni per farla, e alcuni dubbi mi scombussolano.

Premetto che credo di averla presa dal mio ragazzo, così mi ha detto la ginecologa del pronto soccorso che mi ha visitata, che ha escluso che possa averla presa in piscina o in altri modi.

Non capisco però alcune cose in particolare.

1)E' una malattia ad esclusiva trasmissione sessuale?

2)Io ho avuto e ho rapporti solo con lui (non protetti, prendo la pillola).
Lui da sette anni, da che stiamo insieme, ne ha solo con me (sono piuttosto sicura della sua sincerità).
Poichè lui non ha mai manifestato i sintomi della malattia, ma magari è del virus, come mai a me i sintomi si sono manifestati solo ora e non prima?

3)Sono passati 5 giorni dalla mia guarigione, possiamo già avere rapporti?

4) se oramai ne siamo entrambi portatori, c'è il rischio che pur non manifestandone in un dato momento i sintomi l'uno, con un rapporto possa sviluppare i sintomi l'altra persona? Oppure il manifestarne i sintomi dipenderà d'ora in poi da altri fattori?

Un sincero grazie,
saluti


Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
gentile utente,

le rispondo chiaramente surrogando le sue numerose domande, pochè la mia risposta le chiarirà un problema di fondo.

anticipo, che nel pieno rispetto della collega e dei dati che riferisce le indico quanto segue:

l'herpes genitalis NON è una malattia sessualmente trasmissibile OBBLIGATA, ovvero è possibile manifestare tale condizione anche in assenza di contagio sessuale.

questo poichè, l'HSV I-II vive nelle nostre terminazioni nervose in stato quiscente fin da poco dopo la nostra nascita - e potenzialmente può - per molteplici condizioni ripercorrere le terminazioni nervose periferiche e replicare sulla cute.

in questa fase ed iquella immediatamente precedente (SHEDDING ASINTOMATICO) è una patologia sessualmente trasmissibile.

Spero di aver chiarito le sue idee e la invito a seìcegliere il suo VENEREOLOGO di fiducia (esperto di cute e mucose genitali) per un corretto percorso terapeutico che potrà prevedere anche il suo partner.

cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, l'herpes simplex a livello genitale contrariamente a quanto si sosteneva prima, può essere di tipo1 e di tipo2 (addirittura in alcuni studi viene riportato che il tipo1 è ritrovato in sede genitale in maniera più frequente rispetto al tipo2).La trasmissione avviene maggiormente nel momento di massima virulentazione che corrisponde all'incirca al tempo di presenza della fase di vescicolazione.La trasmissione avviene per contatto e pertanto ritrovarlo in area genitale si presume che ciò si realizzi attraverso rapporti sessuali ma ciò non sempre è detto.Il periodo d'incubazione(assenza di manifestazioni cliniche) è molto variabile poichè dipende da vari fattori in primis dalle difese immunitarie dell'ospite e pertanto paradossalmente una persona potrebbe addirittura averlo contratto alla nascita e mai manifestato nel corso della propria vita.A livello genitale non infrequentemente(così come a livello labiale) si va incontro a recidive che vanno curate facendo uso di farmaci antivirali anche per lungo tempo.Il numero elevato di recidive può rendere necessario lo studio, con esami specifici, dell'immunità.In assenza di manifestazioni non ci sono problemi di contatto(vedi per quello genitale rapporti sessuali).Capitolo a parte merita l'herpes genitalis in corso di gravidanza.Qualsiasi dubbio va comunque sempre chiarito in ambito Venereologico con visita diretta.
Cari saluti