Utente 169XXX
Buongiorno,
sono all''8° mese di gravidanza, e da circa 3 settimane avverto un battito pulsante dentro l''orecchio sinistro.
Inizialmente lo avvertivo solo quando ero stesa nel letto ma ora lo sento anche da seduta, e alcune volte anche in piedi.
Ho una valvulopatia aortica dalla nascita, bicuspidia con steno-insufficienza lieve che però non mi ha mai dato problemi particolari.
La pressione è ogni giorno la stessa 102/70.

Vorrei sapere:
- l'acufene può essere collegato al problema cardiaco e alla gravidanza (e forse al flusso sanquigno che in gravidanza aumenta) ?
- potrebbe passare dopo il parto o è opportuna una visita di controllo già da ora?
-c'è qualcosa che posso fare o non fare per ridurre il rumore dato che mi crea difficoltà per dormire la notte ?
Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
283864

Cancellato nel 2015
Gentilissima Utente,
innanzitutto mi sentirei di escludere una relazione tra il suo acufene e la valvulopatia.
La Pressione sanguigna è buona, ma come lei può immaginnare il vero problema, in caso di gravidanza e non solo, sono "i picchi" pressori, quindi in ogni caso la invito a tenere un "monitoraggio" della pressione, piuttosto che prendere il valore una tantum, e sono certa che il suo medico curante sarà pronto a spiegarle come farlo in modo corretto. Per la visita specialistica la invito ad eseguirla al più presto, visto che il problema le crea addirittura problemi per prendere sonno. La terapia per il "trattamento" degli acufeni in ogni caso è effettuabile in gravidanza, non dimentichiamo che il ginko biloba, che attualmente viene usato come principio attivo nella stragrande maggioranza di integratori e nutraceutici per l'orecchio interno, è stato studiatissimo ed utilizzatissimo per migliorare la circolazione placentare. Quindi, secondo la sua necessità, lo specialista le potrebbe anche assegnare un piccolo trattamento, che poi magari dopo il parto potrà completare con veri e propri farmaci o altri tipi di terapie, ma una diagnosi precoce è fondamentale!
Rimanendo sempre a sua disposizione
le invio i miei più cordiali saluti,