Utente 291XXX
Salve,

una settimana fa, in seguito alla masticazione di un corpo solido evidentemente troppo duro, ho iniziato a sentir dei forti dolori alla mandibola. Venivo da una recemte estrazione del dente del giudizio e del nono molare (2 denti estratti, 3 ore di operazione), per cui all'inizio ho pensato fosse una complicazione (dovuta in qualche modo al trauma della masticazione) di quell'operazione.

Dopo una settimana di dolori (antidolorifici e dieta liquida) il dentista mi ha detto che probabilmente ho una frattura al secondo premolare (abbiamo fatto alcune prove, ed è quello che mi fa più male quando sollecitato al morso), e che va pertanto devitalizzato.

Vorrei gentilmente porre le seguenti domande:
1) è normale che una frattura al premolare causi dolori su tutta la mandibola?

2) è normale che si faccia una devitalizzazione in seguito alla frattura?

3) è normale che il dentista abbia deciso di procedere senza una radiografia, e soltanto sulla base delle prove che abbiamo fatto di chiusura e masticazione (dente per dente)?

Ringrazio in anticipo
e porgo cordiali saluti




Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
1- è più frequente, in caso di frattura, un dolore ben localizzabile che si accentua alla masticazione. Il dolore irradiato è un dolore dovuto ad una compromissione pulpare. E' possibile che nel suo caso la frattura riguardi la corona dentaria e la polpa magari sia esposta ed infiammata da qui l'origine del dolore.Impossibile esser precisi senza una visita.
2- se la frattura è radicolare la cura non è la devitalizzazione, se parliamo invece di una frattura coronale con esposizione pulpare allora la devitalizzazione può starci come primo passaggio per il recupero del dente.
3- possibile che il dentista sia giunto alla diagnosi anche senza radiografie in quanto l'esame clinico gli è stato sufficiente. se il dente va devitalizzato andranno seguite delle radiografie.
Se ha dubbi sull'operato del suo dentista senta un secondo parere.

Cordialità
[#2] dopo  
Utente 291XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la chiarezza e la cortesia.

La frattura in realtà "non si vede", ma forse questo non significa niente.
Come si fa a sapere se è radicolare o coronale?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Andrea Oria
20% attività
0% attualità
0% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2013
gentile paziente
io concordo con il collega il Dott Di Iorio, aggiungo solo che una frattura coronale si vede ad occhio nudo o meglio in microscopia.
una frattura radicolare del dente invece non si vede se non con un un intervento chirurgico e quasi sempre solo in microscopia, in questo caso l'estrazione è l'unica possibilità.
quello che però lascia perplesso è effettivamente su che base il suo dentista abbia deciso di prendere la decisione di trattare endodonticamente il dente, senza visione ne di fratture, ne radiografie.

piuttosto chieda un secondo parere
dott Andrea Oria
[#4] dopo  
Utente 291XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille delle risposte.

Immagino quindi che, non potendosi osservare nessuna frattura a occhio nudo, la frattura, SE C'E', è radicolare.

Se così fosse, non è possibile che il mio dentista, in base a una diagnosi di frattura radicolare, abbia deciso di intervenire con la devitalizzazione come terapia "conservativa"? quali sono le controindicazioni?

Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Andrea Oria
20% attività
0% attualità
0% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2013
a mio giudizio una frattura radicolare non può essere che trattata con una estrazione, previo ovviamente, un intervento esplorativo per accertarsi che realmente la radice si fratturata, la devitalizzazione non potrebbe in nessun caso risolvere il problema di una frattura.
cordiali saluti
Dott Andrea Oria
[#6] dopo  
Utente 291XXX

Iscritto dal 2013
grazie mille