Utente 159XXX
buonasera! mia madre di anni 73,ha avuto due episodi di flutter a distanza di un mese.sono state fatte due cardioversioni ma popo un mese e mezzo è ritornato per la terza volta.Mi è stato detto dal cardiologo che non è consigliabile farne un altra e che anche l'ablazione è inopportuna perchè spesso è recidiva. Specifico che mia madre è stata sottoposta circa vent'anni fa ad un intervento alla mitrale (anello di Carpentier) e ha pure una insufficienza aortica di grado III°.Adesso lei accusa affanno ,gonfiore ai piedi,aritmia che non la fa dormire neanche la notte.Assume il sintrom da quando è stata operata alla mitrale.Attualmente assume cordarone 200 mg,fosipress 20,congescor 3,75, lasix 1 cp al dì .dopo un conslto con un altro cardiologo è stato aggiunto isoptin 80mg 1/2 per due.Peggiora di giorno in giorno ,potreste darmi un consiglio su cosa fare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Se si tratta di un flutter atriale "tipico" e destro, l'ablazione ha una percentuale di successo altissima con un rischio di complicanze assolutamente irrisorio, se viene effettuata in un centro qualificato o da un operatore esperto. Se invece non è un flutter tipico, ma una tachicardia atriale "flutterante" e magari sinistra il discorso cambia, ma comunque l'ablazione può dare dei buoni risultati e quindi le consiglio di rivolgersi ad un bravo aritmologo.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
gentilissimo dottore,la ringrazio vivamente per la celere risposta.Non conosco la natura del flutter ,e il termine tachicardia atriale "flutterante" ,nonostante molte visite effettuate,è la prima volta che lo sento.
Provvedo subito a prenotare una visita da un bravo aritmologo così come lei mi ha gentilmente consigliato, sperando di risolvere o quanto meno migliorare le condizioni di mia madre.
La ringrazio di cuore e dopo la visita le farò sapere

[#3] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
buonasera,venerdì 22 Febbraio ho fatto fare una visita a mia madre da un aritmologo e così come lei mi aveva anticipato ,mi hanno consigliato di effettuare un esame elettrofisiologico per determinare la natura del flutter,se destro o sinistro.l'ecg ha dato questi risultati:flutter atriale a conduzione variabile cronicizzato a breve risposta ventricolare,ritardo intraventricolare destro,sovraccarico ventricolare sinistro.
Ecovisione: Vdx con ridotti indici di funzione longitudinale,VCI dilatata con ridotte escursioni respiratorie,dilatazione delle WSE,PAPs stimata almeno 50mhg LVEF conservta,IAo +(+)4 IM +/4
RX torace:velatura medio-basale sx ispessimento trama interstizio-vasale
Mi è stato detto che se il flutter risulterà dx l'ablazione è molto indicata,se invece risulterà sx,bisognerebbe applicare un pace-maker ed eseguire contemporaneamente una ablazione.Non le nascondo che mia madre è molto preoccupata e in attesa di decidere se sottoporsi o no a queste indagini ed all'eventuale intervento,è stata variata la terapia: Sospensione del CORDARONE e dell'ISOPTIN 80 mg
h 8,00: LANOXIN PG 0,0625 1 cp
DILZENE 60 1 cp
LASIX 25 2cp
h 14,00 LASIX 25 1cp
h 20,00 FOSIPRESS 40 MG 1 cp,CONGESCOR 3,75
più la solita la solita terapia che assume al mattino:RANITIDINA 20,FEMARA,CRESTOR 20,
Siamo molto confusi,gradiremmo un suo parere,Ringrazio anticipatamente


[#4] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Condivido quanto le hanno suggerito. I problemi di sua madre sono a carico della parte destra del cuore e sono una conseguenza del tipo di aritmia che lei ha. Condivido anche la terapia farmacologica che le è stata proposta in attesa dell'intervento...
Ovviamente si spera che l'aritmia sia eliminabile con l'ablazione e che non si sia invece costretti ad eseguire l'impianto del pacemaker con l'interruzione della conduzione nodale utilizzando la RF (che sarebbe invece un intervento non risolutorio per il problema aritmico, ma solo un modo per cercare di migliorare le cose)..
Purtroppo tutto dipenderà dai risultati dello studio elettrofisiologico che confermerà se si tratti di un flutter tipico o di una aritmia differente...
In bocca al lupo....