Utente 290XXX
salve, ho subito un intervento per un ernia crurale strozzata in data 3 febbraio, dopo 1 settimana ho iniziato ad avere perdite di liquido linfatico da un foro di spurgo all'inizio della cicatrice post operatoria, premetto che vado spesso a eseguire la medicazione nel reparto di chirurgia in cui sono stato operato, premetto anche che il liquido è acquoso e pulito e che non ho manifestato per ora nessun segno di infezione, l'unico inconveniente è il fatto che in corrispondenza della formazione di liquido si forma un rigonfiamento e che ogni giorno in ospedale lo devono svuotare, vorrei sapere se esistono dei rimedi per facilitare il riassorbimento di questi liquidi, vorrei sapere anche se sono cose normali e se possono divenire pericolose visto che ad oggi non ho avuto alcuna diminuzione di questa perdita di liquidi, tra le altre cose è spiacevole dover girare con degli asciugamani per evitare di bagnarmi quotidianamente, in attesa di riscontro vi porgo i più cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non si tratta di un "foro di spurgo", ma di una parte della ferita che ancora non si è chiusa, e che attualmente viene utilizzata dall'organismo per far fuoriuscire l'essudato proveniente dalla regione operata. Si tratta di una possibile complicanza della ferita superficiale, non è impossibile che ogni tanto capitino cose del genere. Le medicazioni che le stanno facendo sono già il rimedio che lei cerca, quindi non c'è null'altro, per il momento da fare se non che attendere i tempi della natura, affidandosi ovviamente alle cure del team che la sta seguendo.
Cordiali saluti