Utente 214XXX
Buongiorno a Tutti!

Vorrei gentilmente avere dei chiarimenti sull'adrenalina autoiniettabile..:

1) è vero che la FASTJEKT è termo stabile ( tenendola al riparo dalla luce, a temperature < a 25º e controllando avent. Alteraz. Ogni 15gg ) è possibile portarla con sè senza doverla tenere in frigo?

2) la SERTRALINA è da considerarsi un Simpaticomimetico? Se sì, come si deve comportare un paziente in cura con essa ma che viene colpito da crisi allergica grave (e ovviamente impossibilitato a raggiugere brevemente un centro di pronto intervento)?

3) quando avviene una crisi allergica grave, i tempi sono molto ridotti, ma è anche vero che si percepiscono gradualmenente gli effetti... Voglio dire, se si utilizza inizialmente ventolin o una dose di deltacortene, l'adrenalina non può più essere usata?

Sperando in una gentile risposta
Auguro a Tutti una Buona Giornata.

M.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Gentile signore, per cio' che concerne la modalità di conservazione dell'adrenalina autoiniettabile, per quello che io ricordi, la confezione è ampiamente corredata delle informazioni utili a rispondere al suo interrogativo e non solo. Comunque, la comodità è proprio quella della conservazione (piu' o meno a temperatura ambiente).

Per quanto riguarda l'anafilasi ed il possibile shock anafilattico credo e spero che per prescriverle l'adrenalina i colleghi le abbano fornito opportune spiegazioni. Un medico piu' o meno esperto puo' rendersi conto facilmente della gravita' delle manifestazioni, prevederne l'andamento e quindi comportarsi di conseguenza. Cio' puo' no essere vero per i pazienti, o quantomeno non per tutti. Certo ci sono dei sintomi di allarme (alterazioni della respirazione, prurito, orticaria, gonfiore/angioedema) ma stabilire a priori quale deve essere 'atteggiamento terapeutico è impossibile e qualsiasi consiglio da parte mia potrebbe essere non opportuno e forviante. Le coniglio vivamnte di consultare il suo allrgologo di fiducia in modo da chiarirsi le ideee ed avere delle lnee guida di comportamnto adeguate al suo caso.

La domanda ed il senso della sua richiesta circa la sertralina non lho capita.
Spero comunque di esserle stato di aiuto.
Distinti saluti.
[#2] dopo  
Utente 214XXX

Iscritto dal 2011
buonasera, grazie della risposta.

- è proprio "quel più o meno" che vorrei capire.. perché nel foglio illustrativo c'è scritto solo che non deve superare i 25° e il mio Medico curante mi ha detto che non è termostabile... altri Medici dicono che è vero, ma la fastjekt è l'unica che può essere tenuta addosso... ??? .....

io sono allergico a diverse piante, alla polvere ecc.. appurato con cartellino rosa, test metacolina ecc... no vaccino, perché nel mio caso non risolve, ma solo cure all'esigenza...
a giorni dovrò partire per l'estero a tempo indeterminato, e per star più tranquillo, appena fatta visita da allergologo x aggiornarmi e far resoconto sui farmaci da portarmi... il Dottore mi ha detto che vanno bene il ventolin,deltacortene e solumedrol che ho già... e se proprio mi sento più tranquillo, eventualmente portarmi dietro l'adrenalina... dato che andrò in un paese estero e so come ci si sente quando arriva una crisi grave... (edema alla glottide causato da inalazione di fumi\profumi chimici) e nel caso mi trovassi in quelle condizioni distante e a piedi dal primo centro d'intervento.. gradirei avere la possibilità di avere l'opzione dell'ago autoiniettante, con le duvete precauzioni e conoscenze del caso ovviamente...

x la domanda 2 è legata al fatto che è controindicato l’uso contemporaneo di ß&#8208; bloccanti o di farmaci simpaticomimetici.... io faccio uso di sertralina, è da considerarsi un simp.?
[#3] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Il vero problema, se così si puo' definire, è che effettivamente Lei non ha alternativa, nel senso che non ci sono altri prodotti analoghi da autosomministrazione e con le stesse caratteristiche di trasportabilità. In realtà le alterazioni organolettiche di un farmaco si dovrebbero avere a temperature superiori ai 33-35° e le indicazioni date sono per motivi di sicurezza.

L'adrenalina comunque è prescrivibile ed è raccomandabile solo se c'è stato un precedente caso di anafilassi grave e non è da utilizzare se non in casi gravi in persone istruite sulle modalità di impiego e sulla eventuale necessità di impiego.

Non è controindicato con il concomitante uso di sertralina o anche di altri farmaci, soprattutto in relazione al fatto che se c'è necessità vera di adrenalina, eventuali controindicazioni sono da ritenersi relative (ritengo che la gravità di un'anafilassi è superiore a qualsiasi eventuale reazione avversa, e se ne ho bisogno, userei comunque l'adrenalina).
Questa considerazione ovviamente è di stretta natura medica ed è un'opinione personale basata sul rapporto rischio/beneficio.

spero di averle ulteriormente chiarito la questione. Distinti saluti.