Utente 122XXX
Salve a tutti i Dottori, volevo farvi una domanda. Sono affetto da sindrome di kalmann e in cura da quasi 1 anno con testoviron da 250 ogni 21 gg. Di risultati ho avuto una diminuizione della massa grassa, perdita di circa 12kg ( insieme alla metformina dato che ho anche un diabete di tipo 2)ma per quanto riguarda i caratteri sessuali secondari sono rimasti inalterati. Barba pochissima sotto il mento e baffetti da adolescente. Nei sogni scateno rabbia e violenza, cosa che non succede nel giorno, questo da quando assumo il testosterone. La mia domanda è questa. Ultimamente ho ripetuto gli esami ed hanno evidenziato lh ed fsh rispettivamente 0.1 mU/ml e 0.01 mU/ml. Prima della terapia risultavano lh a 3 mentre fsh 1.8 mU/ml. E' giusto che non mi venga dato nessun trattamento con gonadotropine?? E poi mi ritrovo ancora un pene di un bambino di 11 anni. A riposo è 3cm in erezione 9cm. Volevo sapere se potrò avere beneficii parlando di dimensioni, con le iniezioni di testosterone, o oramai rimarrà cosi. E' giusto che non faccia iniezioni di gonadotropine???Ovviamente vi risparmio di dirvi la mia depressione che ho in merito a tali dimensioni.

Grazie ai Dottori che mi risponderanno
Cordiali Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

la sindrome di Kallmann è una patologia genetica complessa oggi molto ben conosciuta.

Gli schemi terapeutici previsti possono anche considerare l'uso delle gonadotropine, oltre che del testosterone ed oggi sono in commercio pure alcuni prodotti a base di GnRH che è il precursore delle gonadotropine e la cui mancanza sembra essere il fattore che scatena buona parte dei problemi legati a questa sindrome.

Detto questo però, da questa postazione, non è possibile indicarle alcuna strategia terapeutica specifica che deve essere studiata ed attentamente bilanciata solo con il suo specialista di riferimento che in questo caso deve essere o un endocrinologo con competenze andrologiche oppure un andrologo con chiare competenze endocrinologiche.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
Grazie Dottor Beretta per la risposta. Ma per vedere miglioramenti dal punto di vista dimensionale, di cosa ho bisogno?

Grazie ancora Dottore.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Lo sviluppo ed il trofismo dei genitali è sostanzialmente legato alla presenza di testosterone nel nostro organismo.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
Quindi 1 anno di testosterone a livelli giusti non può sopperire tutti gli anni della pubertà senza un adeguato livello di testosterone, se vedrò dei miglioramenti ci vorranno anni...giusto?
Io pensavo che con il trattamento di gonadotropine + testosterone, potevo vedere benefici in breve tempo. La differenza che sento dai miei coetani mi sta consumando, la psicoterapia ci fa poco...
Da quando avevo 16 anni, ad oggi non ce la faccio più. Rabbia e rancore verso gli altri è a dismisura.
Spero che chirurgicamente riuscirò a fare qualcosa.

Grazie Dottor Beretta, gentilissimo come sempre.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prima di prendere qualsiasi decisione senta comunque in diretta sempre il suo andrologo od endocrinologo di fiducia.

Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
Senza dubbio Dottore, dovrò sentire i dottori che mi seguono, ma non voglio sentire di aspettare altri anni, perchè a 23 anni non ho ne una vista sessuale ne una sociale, e cosi è veramente dura andare avanti. Centimetri alla mano quelle sono le misure...e quindi per un 23 enne nettamente sotto la norma. Altri ragazzi con la stessa mia sindrome presa in pubertà, curata con gonadotropine e testosterone sono arrivati ai 20 21 anni con un pene normale. Ancora non sono pazzo quindi non sono seghe mentali mie....Ogni volta che mi spoglio è una lotta a non guardare cosa ho sotto... Io sono in cura a Pisa, se non sono soddisfatto dal loro parere ( anche perchè ora sono in ambulatorio) proverò a prenotare una visita da lei a Firenze.

Grazie di tutto Dottore
Cordiali Saluti.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, non precipiti le cose e senta sempre, in primis, il medico di riferimento che la sta seguendo.

Ancora cordiali saluti.
[#8] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
Si ho sempre ascoltato i miei Dottori, ma non ho espresso ( per paura e vergogna) il problema delle dimensioni, e nemmeno loro mi hanno detto nulla, pensando che andava tutto bene. Invece ora a maggio, dovrò dire tutto. Ho appena letto un'altro utente che ha eseguito la falloplastica, provo a chiedere qualche info anche a lui.
[#9] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

la problematiuca della situazione ormonale legata alla S di kallman è molto complessa e si associa sempre ad uno sviluppo inadeguato dei genitali esterni.
Una terapia con testosterone dopo la pubertà o comunque i 15-16 anni non può portaqre ad aumenti dimensionali del pene.
Credo che una patologia complessa come la sua possa essere seguita in una struttura universitaria pubblica dove è possibile fare tutto o quasi tutto con il SSN.
Certo, magari c'è minore relazione personale e minor tempo per ogni singolo paziente.
le falloplastiche si fanno ma in genere non risolvono il problema che dipende non solo dalle dimensioni del pene ma dalle dimensioni che il soggetto "vorrebbe vedere o immaginare" e questo dipende dai centri superiori neuro-psichici.
Io ho seguito pochi casi di s. di kalmann ma i giovani accettavano la patologia, forse con rassegnazione, forse in maniera concreta, avevano le loro ragazze, avevano una attività sessuale a loro giudizio soddisfacente. Non si "arrabbi con il mondo" magari ne parli con uno psicologo
cari saluti
[#10] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
Salve Dottor Pozza e grazie per l'intervento. Ho fatto 6 sedute dalla psicoterapeuta ma senza avere risultato. Ovviamente non sono le chiacchierate con una persona seppur qualificata, a risolvere il mio problema. Poi sto vedendo che questo intervento è quasi di routine. Lo vedo fare su molti pazienti. Purtroppo come dicevo prima a me è stata individuata a 23 anni, quando la " pubertà" è già bella che andata. Ora mi ritrovo con un pene non da 23 enne. Mi capita di vedere partite di under 17 e 16 già con barboni assurdi, e questo non fanno che infondere demotivazione dentro di me. Poi vedo interventi di chirurgia plastica assurdi, ho visto impianti di pettorali, bicipiti, cose inutili, e a me che è una cosa che comunque ha la sua importanza, essendo un maschio, sicuramente non mi verrà consigliata. Si sono seguito in un Azienda Ospedaliera Universitaria, dove fino ad ora ho fatto sempre il Day Hospital, ora sono in ambulatorio ma comunque non pago nulla. Per quanto riguarda l'intervento non è coperto da S.S.N in nessuna maniera.
Alla fine non si tratta di immaginare, se prendo un centimetro e misuro quello esce... questa insicurezza la tengo da quando avevo 14 anni...già sentivo dentro di me qualcosa che non andava, e maledizione non sono riuscito a dirlo a nessuno. Pensavo fosse tutto normale, ma dentro di me avevo quella cosa pesante nello stomaco che mi porto ancora, magari un po più leggera perchè sto affrontando il problema.... Ho sentito altri ragazzi con la mia stessa sindrome, ma nel modo o nell'altro si sono curati durante la pubertà arrivando sui 22 23 anni con un pene normale...e le paure erano le stesse ma poi si sono ripresi. Io la vivo in questo modo evidentemente perchè a me la situazione è più marcata...

Grazie Dottori....