Utente 168XXX
Salve,

Vi scrivo dall'estero. Io e mia moglie stiamo cercando una gravidanza da sette mesi senza successo (età 30 e 32). Lei ha una forma moderata di PCOS con cicli irregolari (45-60 giorni), le è stato prescritto un primo ciclo di Clomifene 50mg per 5 giorni dal suo ginecologo.

Questi invece sono i risultati del mio spermiogramma, il referto indica normospermia confermata dall'andrologo. Le forme tipiche però sono al 4%, che vedendo i riferimenti WHO 2010 (5% percentile) mi sembrano 'borderline', vi chiedo un vostro parere e se consigliate ulteriori indagini, del tipo ecografiche, doppler, ormonali etc....

Astinenza 3 giorni
Volume [ml] 4 [>1.5]
Concentration [millions/ml] 55.5 [>15]
Total Count [millions] 222 [>39]
pH 8 [>7.2]
Motility
A+B (Progressive) 48% [>32%]
A+B+C (Total) 55% [>40%]
D 45%
Morphology
Normal 4% [>4%]


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

un semplice esame seminale non permette di fare una diagnosi, mentre è necessaria una visita per valutare se esistono patologie in grado di alterare la sua fertilità. L'esame che ci propone è nella norma ed i suoi dati esprimono un dato statistico che andranno interpretati dallo specialista.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Maretti, se desidera poi avere ulteriori informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna una infertilità di coppia, può leggere anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html .

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Utente 168XXX

Iscritto dal 2010
Gentili dottori Maretti e Beretta,

innanzitutto grazie per i vostri commenti. Ho parlato con un vostro collega specialista che mi sta seguendo all'estero (in un ospedale dell'Aja).
Dalla sola visita clinica non emerge alcuna patologia e ha interpretato positivamente i dati dello spermiogramma. Riguardo alle forme tipiche al 4%, non mi propone ulteriori spermiogrammi, indagini ecografiche o doppler, né mi suggerisce integratori alimentari di dubbia efficacia scientifica. Non so se condividete questo approccio, qui all'estero alcuni esami non vengono effettuati a meno di reale necessità per non gravare sul sistema sanitario.

Capisco la complessità dell' infertilità di coppia, che è legata al potenziale complessivo di fertilità determinato da entrambi i partner. A riguardo lo specialista ha sottolineato l'importanza dell'aspetto psicologico, di restare calmi, evitare ansia, stress ed avere rapporti frequenti non solo mirati nei giorni dell'ovulazione.

Cordiali saluti


[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

la condivisione con le prospettive di una serena attesa, indicatele dal collega olandese (se la sua nazionalità è quella), è completa.

Se l'esame è stato fatto in laboratorio dedicato, come sembra, lei ha fatto la sua visita andrologica di routine e non è emerso nulla, alla sua età, possiamo, senza furie eccessive ed inutili, attendere almeno che siamo trascorsi i primi 12 mesi di regolari rapporti sessuali, non protetti.

Detto questo rimangono poi valide tutte le nostre osservazioni sulla "complessità" che può accompagnare una eventuale infertilità di coppia che si protrae oltre i 12-24 mesi(situazione che fortunatamente non vi riguarda!).

Ancora cordiali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
come già detto l'esame è nella norma quindi anche se i parametri rientrano nei più bassi percentili è lo specialista che conoscendo la sua storia clinica deve valutare come procedere.

Cordialità