Utente 292XXX
Buongiorno, da circa un mese sto praticamente girando in tutti gli ospedali, ho un dolore ad entrambe le orecchie ed una specie di pressione che parte dagli zigomi la parte prioprio vicini ad esse , ho fatto tutti i tipi di analisi, RMN ENCEFALO NEGATIVA, TC ENECEFALO NEGATIVA, RMN CERVICALE con diagnosi di una semplice cervicale, ortopanoramica negativa, visita specialistica maxillo facciale negativa, 3 consulti con gnatologi ed ognuno ha detto la sua versione, TC rocche petrose negativo salvo deviazione setto nasale e sinusiti, tc massiccio facciale negativo,
Ieri ho fatto su prescrizione maxillo facciale una tc combine cranio e atm bocca chiusa e aperta. Il cranio e negativo mentre sul referto atm"ridotta pneumatizzazione delle celle mastoidee per verosimile iniziale aspetto "eburneo" rispetto al controlato". Iniziale appiattimento del condilo mandibolare di dx con opposizioni osteofitarie paramarginali.Si invia pertanto ORL ed eventuali appr. diagnostici tc orecchio dx, ma io ho gia fatto ct rocche petrosue e tuto negativo. Cosa posso fare aiutatemi questo dolore mi tormenta oltretutto quando mi fanno fale le orecchi e c'è maggiore pressione agli zigomi mi viene un terribile mal di testa tale da piangere aiutatemi non c'è la faccio più e nonso a da chi altro andare. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno
il complesso quadro clinico da Lei riferito appare, al netto di tutti gli esami eseguiti e per altro con esito non significativo per quanto da Lei riferito, meritevole di rivalutazione.
L'iniziale appiattimento del suo condilo mandibolare e le apposizoni osteofitarie marginali sono infatti indice di una possibile problematica articolare temporo-mandibolare cronica che, considerata con i sintomi di recente insorgenza da Lei riferiti, suggerisce la necessità di un nuovo controllo clinico presso uno specialista in chirurgia maxillo-facciale e uno specialista di problematiche gnatologiche.
In tale occasione lo specialista potrà infatti valutare tutti gli aspetti clinici e strumentali necessari per arrivare a porre una ipotesi di diagnosi del Suo problema.
Risulta impossibile essere più precisi in assenza di una valutazione clinica e senza visionare comunque i tanti esami da Lei eseguiti.
Cordiali saluti