Utente 293XXX
Salve a tutti,
siamo una coppia di Udine, io ho 33 anni e mio marito ne ha 39.
Da tempo cerchiamo di avere un bambino ed un anno fa ci siamo decisi a fare degli accertamenti medici e fatto lo speriogramma è emerso un problema di azoospermia (volume basso e zero spermatozoi anche dopo la centrifuga).
Ci siamo rivolti ad un medico andrologo che ha fatto fare a mio marito i seguenti esami:
- un ulteriore spermiogramma: volume 2.5 (più alto della prima volta), pH leggermente alto, colore acquoso, viscosità diminuita, fluidificazione completa, 1.1 milioni\ml di spermatozoi (2.8 milioni in tutto) ma causa l'esiguo numero è stato impossibile valutare la mobilità e la morfologia, assenti forme immature e zone di aggregazione, rari leucociti e rare forme emazie;
- esami genetici: microdelezioni del cromosoma Y (negativo), mutazione del gene CFTR (negativo), caritipo maschile normale;
- FSH 10.8 UI/l (intervallo di riferimento 1.5 – 18.0);
- Testosterone 7.7 nMol/L (intervallo di riferimento 8.0 – 30.0);
Durante la visita ha riscontrato: pene normoconformato, meato uretrale pervio ed ortotopico, didimi bilateralmente ipotrofici (8cc a destra e 6cc a sinistra) e consistenza nella norma, epididimi non palpabili e deferenti palpabili bilateralmente.
Vorremmo avere un vostro parere professionale in merito alle possibili soluzioni praticabili ed in quale direzione concentrare i nostri sforzi.
Vi ringraziamo anticipatamente per l’aiuto.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.ma utente

bisogna chiarire chi ha ragione, e cioè il primo esame che come lei sostiene documentava una azoospermia, mentre il secondo una oligozoospermia e comunque poiché anche se pochi o pochissimi gli spermatozoi devono indicare una loro motilità oltre alla morfologia. Ripeta l'esame in un centro dedicato a problematiche riproduttive e se poi lo desiderasse ci faccia sapere.

Cordialità