Utente 293XXX
Salve,
ho un problema alla mano dx che non mi dà pace. Ho chiesto al mio medico di cosa si trattasse e " a occhio" mi ha detto che si tratta del morbo di Reynold, mi ha detto di stare tranquilla e non mi ha fatto fare alcun esame.
E' un problema iniziato l' anno scorso, poi in estate è scomparso ed ad ottobre si è ripresentato.
Praticamente quando fa freddo le dita, pollice ed indice, diventano bianche, tranne il polpastrello e l' unghia del pollice che assumono un colorito bluastro, non le riesco a muovere e avverto del dolore , poi man mano avverto un formicolio intenso ...poi passa quando sto al coperto, ma non del tutto, in generale la mano dx rimane sempre più fredda rispetto alla mano sx e avverto un dolore intenso e costante sempre anche di notte. Questo dolore è localizzato alla base interna ( verso il palmo) del pollice e se premo sia su quel punto che ai lati del pollice il dolore si acutizza e in questi punti spesso avverto un prurito snervante, a volte invece questo dolore sembra che si irradia alle basi delle alte dita ( in particolare fino al dito medio), quando ciò accade mi fa male anche chiudere la mano a pugno. In generale sopporto bene il dolore, ma a volte è talmente intenso che mi viene da piangere. All' inizio avevo imputato tutto all' utilizzo del mouse..ma ora mi sto preoccupando. Vorrei sapere che esami potrei fare per capire realmente di cosa si tratta, perchè il medico mi ha detto che sono giovane e passa e non esiste terapia o soluzione a questo problema. MA il tutto mi debilita. Poi non sò se sono problematiche associate ma a volte mi fa male anche il polso della stessa mano a livello del radio e mi tira fino al gomito e a volte fino alla spalla. vi ringrazio .

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

Il Raynaud è una patologia internistica, non chirurgica, pertanto di competenza dell'angiologo e non del chirurgo della mano.

La videocapillaroscopia è l'esame di prima scelta per distinguere il fenomeno di Raynaud idiopatico da quello secondario a malattie dello scleroderma spectrum (Sclerodermia e altre patologie similari).

La vera terapia del Raynaud è evitere tutte le esposizioni delle mani alle basse temperature (usare sempre i guanti nelle stagioni fredde), ma esistono terapie farmacologiche (calcio antagonisti, vasodilatatori periferici), che però danno spesso effetti collaterali.
[#2] dopo  
Utente 293XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio dei consigli e soprattutto per la celerità della risposta.
Ne farò tesoro.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Buona domenica.