Utente 228XXX
Salve , sarò breve e conciso . Sono stato 4 anni con una ragazza , con lei sesso giornaliero tutto perfetto , spesso ero io a invogliare l'atto sessuale. Mi sono lasciato 6 mesi fa e 2 settimane dopo essermi lasciato mi è capitata una "scappatella". Purtroppo pensavo di fare un torto alla mia ex (forse perche non avevo ancora la concezione dell'essere single ) e quindi quest' "ansia" ha condizionato la mia erezione mandandomi in bianco , era come se questa ragazza non la volessi. (con la mia ex non mi è MAI capitato)
Da quel giorno ho sempre la paura che possa ricapitarmi una cosa del genere e questa mia paura mi sta facendo mancare la voglia e il desiderio di stare con una donna , è come se il sesso ora non mi interessasse per niente. Per esempio prima avevo delle erezioni anche per un semplice contatto intimo (baci sul collo , abbracci prolungati , ecc. ) con una donna e invece ora niente di niente.

Ora mi chiedo il mio problema non credo sia fisico perche riesco a masturbarmi tranquillamente ( anche se molto meno di prima ).

Quindi mi sorge il dubbio e chiedo se forse quella "scappatella" mi ha condizionato la mente portandomi a una mancanza di desiderio. Ho un problema psicologico? cosa devo fare per poter eliminare quest'ansia?

So che forse dovrei parlare con uno psicologo ma ho paura che non siano delle parole a farmi passare quest'ansia.

Grazie anticipatamente ,

Distinti saluti C.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la Sua,relativa ,esperienza,non Le ha permesso di maturare che,in quanto funzione spontanea,caratterizzata da un forte impegno emotivo,l'erezione può avere degli alti e bassi,analogamente alla forma fisica,mentale etc.Non si allarmi ma si attivi,consultando uno specialista che,con una visita ed una diagnosi di primo livello,potrà far sì che,in futuro,con un riferimento oggettivo, legato alla diagnosi,il percorso sia meno accidentato.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 228XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta