Utente 270XXX
Gentili dottori,
ho 21 anni da 3-4 mesi ho avuto un calo dell'erezione, che è meno vigorosa e duratura (nella masturbazione, non ho avuto rapporti sessuali). Ho notato che essa peggiora se mangio molto, e migliora dopo alcune ore di digiuno, o comunque mangiando poco. Aggiungo che soffro di una lieve gastrite cronica, ed ho assunto omeprazolo per 1 anno, ma da un mese e mezzo l'ho abbandonato, perchè sto meglio senza.
Per quale motivo il cibo potrebbe incidere così tanto sull'erezione??
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
L'alimentazione se ben ponderata ed equilibrata non può essere correlata con la disfunzione erettile. La correlazione notata probabilmente è solo casuale, la causa è da ricercare altrove.
[#2] dopo  
Utente 270XXX

Iscritto dal 2012
anche io pensavo ad un rapporto di casualità, ma ho verificato più e più volte, senza mai eccezioni. Pensavo magari potesse essere qualcosa correlato alla pressione? o alla glicemia?
[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Le alterazioni che gli alimenti potrebbero determinare sulla funzionalità erettile sono a lungo termine in caso di eccessi reiterati, ma è difficile pensare ad una netta correlazione istantanea cibo = disfunzione erettile.
[#4] dopo  
Utente 270XXX

Iscritto dal 2012
Sapevo che il diabete mellito di tipo 2 è spesso causa di impotenza... Potrebbe essere esso la causa? Mi consiglia di fare le analisi del sangue?
Inoltre potrebbe spiegare anche la gastrite, la cui causa è poco chiara.
[#5] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Alla sua età è difficile che possa essere tale la causa specie se non c'è familiarità.

Ovviamente conviene approfondire, come già affermato in precedenza, anche con esami del sangue.