Utente 294XXX
Ho subito la frattura dell'epifisi distale del radio con ingessatura dell'avambraccio e della mano sinistra. Dopo un mese di gesso e 15 di tutore ho iniziato la fisioterapia per riabilitare la mano. Dopo circa 20 sedute di fisioterapia vedo che i progressi sono lentissimi. La mattina quando mi sveglio mi è impossibile stringere il pugno e devo fare molti sforzi per chiuderlo, e non in maniera soddisfacente, Durante il giorno la situazione migliora leggermente. Più che dolore ho una sensazione di fastidio. Oltre a una flessione limitata delle falangi, non riesco assolutamente a estenderle, neanche passivamente (sono come bloccate). Anche l'estensione e la flessione del polso sono limitate. La fisioterapista dice che ci vuole tempo, specie alla mia età, ma non sono convinto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

è assolutamente indispensabile come vengono eseguiti gli esercizi di kinesiterapia attiva e passiva e quante volte nella giornata (almeno 3, della durata di 30 minuti almeno per ogni volta).

Ogni singola articolazione deve essere mobilizzata prima singolarmente e in modo passivo, mantenendo il grado di flessione o di estensione raggiunto per 1-2 minuti, per poi andare gradualmente oltre e così via.

Consideri che il vero risultato raggiunto è quello al termine di ciascun esercizio, non quello all'inizio.