Utente 294XXX
Ho subito la frattura dell'epifisi distale del radio con ingessatura dell'avambraccio e della mano sinistra. Dopo un mese di gesso e 15 di tutore ho iniziato la fisioterapia per riabilitare la mano. Dopo circa 20 sedute di fisioterapia vedo che i progressi sono lentissimi. La mattina quando mi sveglio mi è impossibile stringere il pugno e devo fare molti sforzi per chiuderlo, e non in maniera soddisfacente, Durante il giorno la situazione migliora leggermente. Più che dolore ho una sensazione di fastidio. Oltre a una flessione limitata delle falangi, non riesco assolutamente a estenderle, neanche passivamente (sono come bloccate). Anche l'estensione e la flessione del polso sono limitate. La fisioterapista dice che ci vuole tempo, specie alla mia età, ma non sono convinto.
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

è assolutamente indispensabile come vengono eseguiti gli esercizi di kinesiterapia attiva e passiva e quante volte nella giornata (almeno 3, della durata di 30 minuti almeno per ogni volta).

Ogni singola articolazione deve essere mobilizzata prima singolarmente e in modo passivo, mantenendo il grado di flessione o di estensione raggiunto per 1-2 minuti, per poi andare gradualmente oltre e così via.

Consideri che il vero risultato raggiunto è quello al termine di ciascun esercizio, non quello all'inizio.