Utente 294XXX
Gentili dottori,

ho 24 anni e da molto (sempre) soffro di eiaculazione precoce, sia durante rapporti sessuali che durante la masturbazione. Questa condizione mi ha spinto fortemente ad evitare rapporti sessuali completi. L'anno scorso ebbi una relazione con una donna e così decisi di parlare con il medico andrologo/urologo del mio problema.
Mi disse di assumere mezza compressa di Daparox tutte le sere e così feci : nel giro di 5-6 giorni notai subito grossi miglioramenti e finalmente riuscii ad avere un rapporto sessuale "discreto" (ottimo come durata...ma l'unico problema era la grossa perdita di eccitazione dovuta all'assunzione del farmaco).
Poi la relazione finì dopo poco tempo e così sospesi il Daparox.
Dopo questa breve introduzione vengo al dunque: attualmente sono agli inizi di una nuova relazione e vorrei cominciare nel migliore dei modi. Già so che assumendo Daparox ne trarrò grossi benefici..ma mi chiedo : posso mica prenderlo per sempre? Cosa dovrò fare una volta ottenuti i benefici di cui ho bisogno? In genere quanto dura questo tipo di cura?
Grazi anticipatamente!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
l' eiaculazione precioce può avere cause psicologiche od organiche. Indipendentemente dalla causa il farmaco la rallenta. Per cui chieda al collega quale sia la causa, e se è psicologica, come sembra (in altro modo il collega avrebbe indicato altre strade, presumo), potrebbe valkere la pena di psicoteerapia o per lo meno di un colloquio psicologico
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Auriemma
16% attività
0% attualità
8% socialità
SOMMA VESUVIANA (NA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
Non credo che la strategia terapeutica con il Daparox (Paroxetina) sia particolarmente indicata per la eiaculazione precox; essa infatti utilizza uno degli effetti collaterali della molecola, insieme però anche ad un frequente calo della libido tipico dei farmaci di questa famiglia (SSRI). Giusto per prima ricercarne la causa ed escludere fattori organici.Poi eventualmente focalizzare l'attenzione sugli aspetti psicologici.
Dott Giuseppe Auriemma
giusauri@alice.it
[#3] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2013
Grazie ad entrambi per la celere risposta.
Ma mi chiedo: se il problema è effettivamente di natura psicologica, perchè il medico ha deciso di farmi assumere il Daparox che,a quanto pare, vale solo come rimedio provvisorio? ps: c'è un limite di quantità/tempo per l'assunzione di tale farmaco?
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
alla prima risdposta ovviamente non so rispèondere, lo sa il collega, non posso entrare nella dinamica della visita. Alla seconda le rispondo che non ci sono limiti temporali, tranne gli effetti indesiderati che lei ha ben descritto. Meglio andare alla radice del problema che accontentarsi di un sintomatico.