Utente 263XXX
Buongiorno,
Da 4 anni sono un'alcolista, bevo tutti i giorni 10 birre o due litri di vino
Ho scoperto due giorni fa di essere incinta, alla quinta settimana, e ho deciso di effettuare un'interruzione di gravidanza perché non sono in grado di mantenere il bambino.

So che posso scegliere tra 3 diverse opzioni per praticare l'intervento.
La pillola abortiva, entro la settima settimana di gravidanza, ma ho paura perché soffro di attacchi di panico. Le altre due alternative sono l'intervento in anestesia locale e quello in anestesia totale.
Mi chiedo: assumendo una quantità di alcol giornaliera tale, è possibile che sorgano complicazioni con l'anestesia o non c'è alcun nesso? Sarebbe consigliata l'anestesia locale nel mio caso, per non correre il rischio di non svegliarmi più? Il problema è che soffro anche di attacchi di panico, ho paura che con l'anestesia locale mi possa prendere una crisi durante l'intervento. Consigli?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, le valutazioni anestesiologiche vanno fatte caso per caso in base alle condizioni cliniche del paziente.
Ad una valutazione di massima una anestesia locale per lei non mi sembra la scelta migliore specie per gli attacchi di panico; una anestesia generale non è impossibile ma l'anestesista va informato accuratamente; la pillola abortiva mi parrebbe la via migliore, perchè la teme, non ho ben compreso forse il suo problema a riguardo.
A mio parere deve comunque sentire il ginecologo e sottoporsi ad una visita anestesiologica.
Spero di essere stata chiara, saluti.
[#2] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio.
Ho timore della pillola perché ho letto che sono morte delle donne dopo averla assunta, inoltre è da poco in Italia e ancora non si sa moltissimo sulle conseguenze.
Mi chiedo se invece con l'anestesia totale potrebbe esserci qualche complicazione, dal momento che sono alcolista da 4 anni e bevo moltissimo. Ho paura di non potermi risvegliare o di un arresto cardiaco, ecc. Potrebbe succedere qualcosa di connesso all'alcol? Grazie...
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, dovendo sottoporsi ad una anestesia generale, innanzi tutto dovrebbe, come già detto, informare l'anestesista che la visiterà e prenderà visione dei suoi esami preoperatori che potrebbero presentare delle alterazioni più o meno marcate (dovute all'alcolismo), da valutare ai fini della sicurezza e della eseguibilità di una anestesia generale.
Inoltre ovviamente lei dovrà essere sobria al momento della anestesia, anche perchè una anestesia generale deve essere affrontata a digiuno (di solidi e liquidi) da molte ore, per il rischio altrimenti di inalazione e conseguenti problemi polmonari.
Pertanto e riassumendo:
1. bisogna che un anestesista informato valuti se ci sono problemi clinici a seguito dell'alcolismo e se si di che entità siano;
2. Lei dovrà essere sobria e perfettamente a digiuno da ore.
Se Lei seguirà questo iter e sarà giudicata da un collega idonea (nonostante il suo problema) in ambiente idoneo ed in mani esperte potrà essere addormentata in sicurezza.
Cordiali saluti e se ha necessità scriva ancora.
[#4] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio molto per la chiarezza... Ok, se avrò altri dubbi non esiterò a contattarla!
[#5] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Io informerò sicuramente l'anestesista e mi atterrò a tutte le regole da seguire, ovviamente la sera precedente all'intervento mi imporrò di non bere. Grazie per i consigli... Però mi premeva sapere se ci possono in ogni caso essere effetti collaterali dovuti al bere se anche verrà applicata l'anestesia opportuna, oppure se il fatto di essere alcolista e di bere in quantità spropositate ogni giorno non comprometterà in nessun modo il mio intervento... Ci sono stati dei casi in cui l'alcolismo ha avuto "reazioni" con l'anestesia totale, tipo non svegliarsi più, ecc.?
Per quanto riguarda l'anestesia locale potrei essere più "tranquilla" in tal senso?
[#6] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, il fatto di essere alcolista non costituisce una controindicazione assoluta ad eseguire una anestesia generale.
Caso per caso i pazienti vengono valutati ed è scelta per loro la metodica che offre il massimo del risultato col minimo del rischio possibile, pertanto stia tranquilla.
Cordiali saluti.
[#7] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Molte grazie...
Solo più una domanda... Il mio intervento è il 29 marzo e ho il colloquio con l'anestesista il 28. Dal momento che per me è veramente difficile smettere di bere e di fumare, quanti giorni prima dell'intervento almeno devo non aver bevuto alcol?
Voglio dire, se bevo ancora tutta questa settimana non ci sono particolari rischi, quindi?
Grazie e chiedo scusa per la domanda, ma è veramente difficile per me smettere di bere...
[#8] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, comprendo il problema, capisco che non bere sia difficile ma forse non è impossibile?! Cerchi di sospendere l'assunzione di alcool prima che può, non c'è uno spazio temporale canonico stabilito, ma prima smette meglio è.
Cordiali saluti.
[#9] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Chiedo scusa per l'insistenza, ma sono veramente molto preoccupata per questo intervento (oltre al malessere psicologico che ne deriva, ovviamente).
La preoccupazione nasce dal fatto che sto riuscendo a diminuire le dosi di alcol ma non a eliminarlo del tutto: da quasi una settimana sto bevendo tutti i giorni 3-4 birre da 66 cl anziché 8 come facevo prima (da ora di pranzo fino a cena). Quindi sono riuscita a dimezzare diciamo...
Ovviamente la cosa più opportuna come dice lei sarebbe sospendere totalmente il prima possibile... Giuro che ci sto provando in tutti i modi, sto cercando di resistere contando persino le ore che mancano alla sera. Purtroppo soffro di attacchi di panico fortissimi che mi impediscono persino di uscire di casa (cosa che devo fare tutti i giorni), e che solo ricorrendo all'alcol riesco a superare. Quindi non riesco ancora a smettere del tutto.
Ipotizzando che nonostante gli sforzi non ci riesca proprio, se arrivassi a bere fino giorno prima dell'intervento che cosa mi potrebbe succedere con l'anestesia totale? E riguardo al fumo di sigaretta (le ricordo: 15-20 al giorno)? Sono veramente in ansia totale...
[#10] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, che lei abbia diminuito l'alcool è già una buona notizia e per quanto riguarda il fumo è inutile proibirle di fumare ora che si trova in una condizione psicologica particolare dovendo affrontare l'interruzione di gravidanza. Infatti la situazione di ansia che una astinenza da alcool e tabacco può provocare è di per se stessa pericolosa.
Pertanto se ne ha voglia fumi cercando magari di diminuire, ma il fumo di sigaretta non incide su una anestesia; sono magari i danni che può provocare a lungo andare a livello polmonare che possono dare problemi, ma non dovrebbe essere il suo caso perchè è giovane.
L'alcool invece se lei lo ha in circolo al momento dell'anestesia puo dare effetti indesiderati in termini di sommazione e/o interferenza con gli anestetici a vari livelli.
Come le ho già scritto deve informare delle sue abitudini il suo anestesista, in modo che sappia come muoversi per una anestesia sicura, e, continuando a bere meno, cercare di non bere almeno, se non riesce a fare di più, da tutto il giorno prima.
Saluti.