Utente 294XXX
Buongiorno,
ho 36 anni,a febbraio del 2012 sono stata operata per un ernia inguinale sinistra .
Il chirurgo che mi ha operato mi ha detto che era bruttissima,piena di aderenze,infatti l'intervento è durato più del previsto e,invece di un normale day ospital,sono stata 4 giorni ricoverata e 15 giorni a letto.A distanza di un anno avverto ancora dolori,soprattutto se sto tanto seduta e poi mi alzo,e quando devo andare di corpo.E' una cosa frequente o mi devo rivolgere nuovamente ad un chirurgo? Da cosa può dipendere?In attesa di una vostra risposta vi porgo i miei più cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la atipicità del decorso post-operatorio e la persistenza di sintomi a distanza di oltre un anno consiglierebbero una rivalutazione, anche per una più precisa definizione dell'origine delle "aderenze", che costituiscono un reperto insolito nel corso di un intervento di riparazione erniaria.
[#2] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la tempestività di risposta dottore,
posso chiederle cosa sta a significare"reperto insolito"'?
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Per la verità non risulta del tutto chiaro neanche a noi, pur con i limiti di una interpretazione a distanza, quale situazione inaspettata possa aver complicato a tal punto l'intervento.
La riparazione di un'ernia inguinale, soprattutto in un soggetto femminile non obeso, difficilmente offre ostacoli tali da doversi imbattere in una situazione aderenziale particolarmente impegnativa: ma ogni intervento fa storia a sé e a distanza non è possibile ovviamente comprendere le difficoltà incontrate dal Collega che l'ha operata e cosa abbia condizionato un decorso post operatorio che L'ha costretta ad un
allettamento così prolungato.
Potrebbe essere utile sapere se l'ernia era primaria (non recidiva) e se per caso l'intervento sia stato condotto mediante approccio videolaparoscopico piuttosto che con metodica tradizionale.
[#4] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2013
Allora, le spiego.Nell'anno prima dell'intervento in seguito ad un brutto periodo ho perso 30 kg circa e la parete addominale muscolarmente ne ha risentito.prima dell'intervento alcuni chirurghi che mi hanno visitato nn mi volevano operare "perchè nn ce n'era bisogno",e mi hanno dato una guaina compressica da portare.Quando poi mi sono fatta visitare da un medico "a pagamento", mi ha detto che era da operare subito.Al tatto era grossa come un mandarino e si sentiva benissimo sia da posizione eretta che supina.L'esame istologico nn ha rilevato nulla di preoccupante per fortuna.