Utente 295XXX
Salve mi chiamo salvatore vorrei una delucidazione premetto che faccio l 'imbianchino e sto a contatto con sostanze chimiche ma veniamo al dunque
mi trovo molto spesso a contatto con polvere di gesso e stucchi vari so che con le nuove norme queste sostanze devono essere atossiche però mi chiedo se sto per giorni 2-3-4 ecc.. giorni a contatto perenne con queste polveri per via della careggiatura di pareti e a fine giornata mi ritrovo tutto bianco pieno di polvere ho inalato per ore le polveri che può succedere ai miei polmoni?
il gesso inalato viene smaltito naturalmente dal corpo o resta dentro i polmoni?
o le polveri di gesso vengono assorbite dall'organismo e circolano per il corpo?
che danni a lungo andare possono causare?
chiedo questo perchè tempo fa mi sono trovato in una situazione strana sentivo forti dolori alla testa mi sentivo svenire una brutta sensazione quasi mi sentivo di morire e soffro di extrasistole ora non so se questo è collegato a ciò o ad altri fattori.
può essere che queste sostanze causino l aumento della pressione o viceversa?
e c è qualche correlazione tra queste sostanze è la gastrite?
ringrazio in anticipo per le risposte
[#1] dopo  
Dr.ssa Susanna Borriero
24% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
la polvere di gesso è classificata in medicina del lavoro come polvere inerte per le sue caratteristiche fisico-chimiche, essa induce nel tessuto polmonare una semplice reazione fagocitaria da parte dei macrofagi alveolari (le particelle di gesso sono mangiate da apposite cellule spazzino), senza determinare alterazioni strutturali. Inalarle però non è certamente salubre in quanto possono dare irritazione alle mucose respiratorie con sintomi quali tosse o starnuti. Per questo motivo le operazioni di carteggiatura andrebbero svolte "in umido" e l'operatore dovrebbe indossare una mascherina per polveri adeguata alla concentrazione di polveri presenti senza dimenticare gli occhiali protettivi. Un altro effetto fastidioso delle polveri di gesso è quello di irritazione e secchezza della cute che si puo' evitare indossando i guanti e lavandosi con semplice acqua con una certa frequenza.
Mi sento tranquilla nell'affermare che tutti i sintomi da lei descritti non hanno correlazione alla sua esposizione alle polveri di gesso.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 295XXX

Iscritto dal 2013
la ringrazio,capito ma ho molti dubbi mi posso sbagliare ma essendo particelle estranee al corpo non possono portare allergie o intolleranza???
e poi essendo in grandi quantità viene i fagociti riescono ad eliminarlo tutto???il gesso? poi so che ingerendo del gesso viene meno il senso di fame o sbaglio? e poi dopo che i fagociti hanno "mangiato "le particelle in cosa lo trasformano??
[#3] dopo  
Dr.ssa Susanna Borriero
24% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
ho difficoltà a darle spiegazioni più dettagliate in quanto si tratta di questioni tecniche che richiedono almeno le basi della biologia e fisiologia.
Invece torno a ribadire che non è obbligatorio inalare le polveri di carteggiatura perchè esistono sistemi di lavoro e di protezione individuale che possono eliminare qualsiasi esposizione e disagio. Mi sembra di percepire una certa ansia, se ha qualche sintomo che la preoccupa è bene che si rivolga al medico di famiglia (a meno che non abbia il suo medico competente) per spiegare la situazione. Io posso solo ribadire che le polveri di gesso è vero che possono dar luogo ad allergie respiratorie o cutanee ma piu' spesso sono responsabili, per forti esposizioni, a fatti irritativi delle vie respiratorie o delle congiuntive così come della pelle. Chiaramente ciò è evitabile seguendo le giuste procedure di lavoro e usando le protezioni personali.
Cordiali saluti