Utente 278XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 23 anni e facendo della analisi di routine mi sono accorto di avere dei parametri non nella norma e vorrei dei chiarimente, il parametro più preoccupante è l'omocisteina, le analisi portano come parametri limite 5-15 umol/l, il mio valore è 39,26, gli altri parametri non in regola sono il glucosio a 115 invece di 110 mg/dl, fosforo 2,3 con un valore soglia minimo di 3mg/dl, mhc 93 con un valore soglia massimo di 90 fL, neutrofili a 43%, linfociti a 46%, e le piastrine 121000 con un valore minimo di 150000.
Sono alto 178cm e peso 80kg ho una dieta varia, ho avuto nel mese di marzo un periodo di qualche giorno con febbre che saliva e scendeva, fino a 37,6 con mal di testa e mal di stomaco, ho seguito una cura di 4 settimane di lucen 20 per una gastrite.
PS. il fratello di mia madre e la figlia soffrono di omocisteina alta, non così tanto, mia madre non ha fatto il controllo, per questo metto la richiesta in cardiopatie congenite.
Spero di avervi dato tutte le informazioni necessarie, ringrazio chiunque risposta, aspetto vostre notizie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Normali livelli di omocisteina nel sangue vanno considerati per gli adulti concentrazioni < 13 &#956;mol/l per gli uomini e < 10.1 &#956;mol/l per le donne. Nel suo caso, quindi il valore è più del doppio di quello accettabile.
Livelli alti di omocisteina possono anche presentarsi in alcune malattie (come l'ipotiroidismo o la psoriasi) o dipendere da stili di vita inadeguati (il fumo di sigaretta, l'uso eccessivo di caffè e alcool) o anche essere il risultato di una dieta povera di ac. folico e vitamine del gruppo B in genere. Poichè l’iperomocisteinemia è considerata un fattore di rischio cardiovascolare (per l'insorgenza di aterosclerosi coronarica ed infarto miocardico), e non solo (ictus cerebrale e trombosi arteriose e venose) è buona norma in questi casi incrementare l'apporto di folati e Vit. B (in particolare B6 e B12), astenersi dal fumo e ridurre caffè e uso di bevande alcooliche.
Cordiali saluti