Utente 229XXX
Buongiorno sono una ragazza di 22 anni e da dicembre scorso ho iniziato ad avere tachicardie di cui prima non ho mai sofferto o non me me rendevo conto perlomeno. Sono finita due volte in ps la prima volta mi è stato fatto un elettrocardiogramma il medico mi disse che avevo la frequenza un po' alta ma non dovevo preoccuparmi così il mio medico di base mi ha prescritto xanax da 0.25 mg due volte al giorno. Gli episodi sono continuati ho ripetuto l elettrocardiogramma che rileva tachicardia sinusale il mio medico non mi ha neanche spiegato il risultato ma mi ha fatto gentilmente consegnare l'esito dalla segretaria( l'esame e stato eseguito nel suo studio). Ho cambiato medico che mi ha fatto continuare xanax per poi diminuirlo fino a sospenderlo e iniziare un percorso terapeutico. Purtroppo le tachicardie ora sono accompagnate da extrasistole e vertigini non riesco più a fare sport ne a studiare sono sempre debilitata.. Il mio medico ha deciso di farmi fare esami per la tiroide e successivamente mandarmi da un cardiologo. Secondo voi dovrei fare altri tipi di accertamenti? Vi ringrazio in anticipo aggiungo che fumo molto(15 sigarette al giorno) e ho perso 24 chili molto velocemente ( 4 mesi e mezzo)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Certamente se una ragazza cosi giovane è una forte fumatrice, è difficile credere che lei sia davvero preoccupata per la sua salute
Smetta oggi stesso, dia retta, ridurra il rischio di cancro, infarto ed ictus, altro che extrasistoli...
Arrivederci
Cecchini
[#2] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
In verità sono preoccupata questo mi porta a fumare di più, il che non ha senso perché so che fa male me ne rendo conto!ad ogni modo seguirò io suo consiglio che è anche quello del mio medico e smetterò subito. La ringrazio saluti.