Utente 706XXX
Età:35
Sono una donna di 35 anni e circa 10 anni fa ho avuto la comparsa di ragadi anali in seguito ad un'ostinata stitichezza.Venni curata con pomate e lassativi,ma dopo 3 mesi di sofferenze i sintomi si attenuarono soltanto diventando cronici.Dopo qualche anno uno specialista mi consigliò l'uso di dilatatori:le ragadi si richiusero,anche se spesso tornavano in forma lieve con l'occasionale stitichezza e comunque ho avuto degli episodi più gravi.Da circa un anno e mezzo credevo di essere guarita:l'uso dei dilatatori e la dieta ne aveva evitato la ricomparsa,ma due mesi fa un episodio stitico mi ha rigettato nel circolo delle ricadute.Possibile che non possa mai guarire completamente?Perchè si riaprono al minimo,banale trauma?Dovrò sempre usare gli imbarazzanti dilatatori?
Grazie per la cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Russo
20% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2000
gentile signroa, deve scegliere. O si tiene la ragade anale (meglio dire l' ipertono dello sfintere anale che è causa della ragade anale) medicandola periodicamente con creme e dilatatore anale.


Oppure prende il toro per le corna e si opera di sfinteromiotomia laterale ed otterrà buone probabilità di risolvere completamente il problema.

Distinti saluti

Dott. F. Russo
Roma
[#2] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
concordo con il collega, aggiungo che l'intervento e' semplice, indolore, eseguibile in anestesa locale e day hospital e risolve il problema definitivamente
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Sono d'accordo !
Lucio Piscitelli
Napoli
[#4] dopo  
Dr. Luigi Antonio Prisco
16% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 16
Iscritto dal 2000
Il Dr. Francesco Russo, che saluto affettuosamente, ha anticipato tutti sul tempo, in quanto la risposta al Suo quesito è unica. Solo l'intervento può risolvere il Suo problema.
[#5] dopo  
Dr. Enrico Guarino
24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2002
sono d'accordo con tutti i colleghi che mi hanno preceduto unico consiglio che mi sento di aggingere, in previsione della programmazione di un intervento chirurgico è sottoporsi ad un esame di valutazione del tono sfinteriale mediante una manometria anorettale.
Guarino Enrico
Roma