Utente 296XXX
Mi scuso intanto perchè non sò se ho azzeccato la sezione medica giusta...ma ho visto che "sessualità" o "sessuologia" non c'era! Vi enuncio il mio problema...durante la penatrazione la mia ragazza sente dolora. Eravamo entrambi vergini e facciamo l'amore col preservativo.
I nostri rapporti, non vivendo soli non sono continuativi...accadono spesso pure una volta al mese. all'inizio il mio pene non entrava dentro di lei in nessun modo...come spingere un muro e lei sentiva un dolore esagerato! Al 7 rapporto pur se la mia lei sentiva ancora molto dolore sono riuscito ad entrare quasi tutto! ovviamente nessun rapporto dato che se faccio il tipico movimento "su e giù" lei sente troppo dolore e dobbiamo fermarci! Dopo questa abbiamo fatto l'amore altre 3 volte senza però alcun passo avanti...il pene entra quasi tutto ma lei sente molto dolore e non riusciamo ad avere un rapporto! Premetto che la mia lei non ha sanguinato nel momento in cui il pene è entrato per la prima volta...quale potrebbe essere il problema?? Potrebbe dipendere pure da un problema al mio pene??? Come possiamo riuscire a risolverlo?? Abbiamo, per aiutarci nella penetrazione, anche usato un lubrificante Durex! Ho provato a convincere la mia lei a fare una visita ginecologica ma per ora non ne vuole sapere...spero di riuscire a convincerla!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

dal suo racconto sembrerebbe trattarsi di una forma di vaginismo che andrebbe valutata dal ginecologo per valutare se esistono cause organiche e quindi in caso contrario agire a livello psicologico, infatti il vaginismo è caratterizzato da uno spasmo involontario della muscolatura della vagina ai tentativi di una penetrazione e quindi rappresenta, per la donna, una reazione globale di pauradove in assenza di una causa organica, i motivi vanno ricercati in ambito psicologico.

Un cordiale saluto