Utente 288XXX
Gentili dottori,

in seguito ad una visita mi è stata diagnosticata un'idrocele bilaterale,che mi porta ancora tutt'ora,ogni tanto,un fastidio che si estende anche alla gamba sinistra.
Ho effettuato un'ecografia testicolare,con tale riassunto:

L'esame dello scroto evidenzia regolare definizione dei piani dartoici.
Minima ipoplasia testicolare destra.
La struttura dei didimi è omogenea, di tessitura fine ed uniforme.
Regolare la vascolarizzazione intraparenchimale al color Doppler.
Epididimi in sede, con lieve aumento di volume bilateralmente, ma specie a sinistra.
Discreta quantità di liquido a destra ed ispessimento della tunica vaginale.
Non segni di varicocele.
Assenza di linfoadenomegalie in atto in sede inguinale bilateralmente.
Idrocele di destra.
Utile visita chirurgica.


Tralasciando ovviamente i punti abbastanza chiari,come ad esempio "non segni di varicocele",volevo chiedervi se era possibile ricevere un riassunto generale di tale ecografia ma con termini più semplici,anche per una mia curiosità personale.
Inoltre volevo chiedere se appunto questo fastidio è normale,cioè so che l'idrocele porta fastidio,ma essendo la quantità del liquido non certamente eccessiva(così come anche l'ingrossamento della tunica vaginale)potrebbe essere altro?
Al momento dell'ecografia mi fu detto che c'era anche una lieve epididimite,quindi mi chiedevo se magari è anche questa che mi comporta questo fastidio(che si presenta soprattutto quando sono seduto,mentre all'impiedi o sdraiato non avverto nulla).


Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
nella sua situazione non si può prescindere da una visita urologica / andrologica diretta; tutto il resto sarebbero solo chiacchiere.
[#2] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottore,
la ringrazio per la risposta.

So gia che alla fine dovrò operarmi per risolvere quest'idrocele bilaterale,però volevo giusto capire,con termini più semplici,l'esito di questa ecografia.
Cioè ad esempio,l'aumento di volume degli epididimi è un qualcosa di "abbastanza" normale,oppure no?

Per il resto,come Le dicevo,la situazione è che ovviamente c'è una discreta quantità di liquido e che probabilmente mi porta anche questo continuo fastidio nella zona dell'inguine/scroto,che si estende poi anche alla gamba sinistra e che quindi per risolvere il problema del tutto,dovrò operarmi.


Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Come le dicevo, è difficile interpretare l'interpretazione dell'Ecografista; alla visita potrebbe risultare che clinicamente i due epididimi sono sostanzialmente nei limiti, clinicamente. Così come l'entità dell'idrocele: il termine "discreta quantità di liquido" non è un numero, ma una descrizione, che può meglio essere interpretata dall'Urologo o Andrologo che la valuterà, per capire se si tratta di qualcosa di modesto, o di qualcosa di significativo per cui consigliare l'intervento.
Spero di aver meglio chiaritole la mia risposta precedente.
[#4] dopo  
Utente 288XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio dottore.
Infatti effettuerò quasi sicuramente una visita da un andrologo/urologo,in modo da vedere se è un'idrocele da operare subito,oppure per il momento posso anche rimandare.
Effettivamente con "discreta",anche io sono rimasto abbastanza confuso,perchè ovviamente non è una quantità precisa,comparata inoltre con il "limite massimo" di liquido,oltre il quale so che il testicolo può avere danni,in quanto non c'è circolazione di sangue.

Mi permetto di chiederle a questo punto anche un'altra cosa.
Durante la visita dal medico,oltre all'idrocele mi è stata diagnosticata anche una punta d'ernia inguinale,appunto nella zone sinistra,che probabilmente,come mi è stato detto dal medico,è "comunicante" con l'idrocele o una cosa del genere,ecco il perchè del continuo fastidio.
Per quanto riguarda quindi quest'ernia,quali accorgimenti posso attuare per cercare di non aggravare ulteriormente la situazione?
Ad esempio da quello che so,evitare ad esempi gli sforzi fisici,ma questo include anche ad esempio sforzi collegati,mi scusi il termine,alla defecazione per esempio?


Grazie ancora,cordiali saluti.