Utente 120XXX
Salve
già in precedenza avevo scritto sulla sospensione dell'amiodarone causa tossicità tiroide
Secondo voi, quello che segue è proprio non fattibile? Vale a dire: prendere il cordarone per un mese, per es., smettere per 2 mesi e poi riprendere per un mese, facendo esami degli ormoni tiroidei e calibrare affinché non vadano troppo al di là i valori degli ormoni.
Grazie
ps: almeno così sarei protetto per un mese e mezzo su tre, che non mi sembra male......

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il problema della terapia con amiodarone è che pur essendo un farmaco molto efficace, ha molti effetti collaterali, tra i quali quello della disfunzione della tiroide. Nel suo caso, poichè lei presenta una cardiopatia dilatativa non può assumere altri farmaci antiaritmici poichè potenzialmente pericolosi. La modalità di assunzione che lei propone non è auspicabile perle caratteristiche del farmaco. L'amiodarone ha bisogno di quasi un mese di tempo prima di iniziare ad agire come antiaritmico e il suo effetto svanisce non prima di un mese dopo la sua sospensione. Pertanto....
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
Grazie della tempestiva risposta
le garantisco che dopo una settimana di assunzione già il cuore funziona meglio e sono sicuro che appunto dopo la sospensione mi protegge per una ventina di giorni; io lo ritengo meglio di niente, ad ogni modo ne parlerò con il medico curante; anzi sarei davvero contento se potessi......
cordiali saluti