Utente 234XXX
Salute.
Quello che segue è il referto di quanto in oggetto, eseguito a causa di una sospetta cardiomegalia riscontrata durante un rx torace.
<<
Ventricolo sx di dim. endocavitarie e cinesi segmentale normali con ipertrofia concentrica delle pareti.
Funzione sistolica conservata con FE>55%
Artio sx e cavità dx normali.
Lieve ectasia del bulbo aortico (d.39mm), normale calibro del tratto esplorabile dell'aorta ascendente.
Aorta tricuspidata ed indenne, normale gradiente trasvalvolare.
Mitrale normale per morfologia e dinamica.
Pattern doppler mitralico indicativo di ridotta compliance del ventricolo sx.
Al colordoppler minimo rigurgito mitralico privo di rilevanza clinica.
PAPs non derivabile.
Non versamento pericardico.
>>
Un paio di anni fa ho eseguito un holter pressorio (stesso centro e stesso refertante) con seguente risultato
<<
Conservata escursione circadianadei valori pressori.
Prevalenza di valori pressori sisto-diastolici lievemente elevati.
Considerate le medie del periodo diurno, l'esame depone per una condizione di lieve ipertensione sisto-diastolica.
>>
All'epoca il mio medico di base non ha considerato la cosa di grande importanza.
Alla consegna del referto di cui in oggetto (dopo una misura di pressione di 123/80 con fc70) ha deciso di darmi del bisoprololo 1,25mg, che però (da quando ho cominciato a prenderlo 4 gg fa) mi sta dando tutta una serie di effetti come descritti da "bugiardino" (tra cui vertigini, nausea, formicolii agli arti) e nessuna apprezzabile variazione sulle misure di pressione che sto misurando con regolarità prima e dopo l'assunzione del farmaco.
Sinceramente non so cosa pensare; mi sembra di aver cominciato una terpia se non inutile, quanto meno affrettata.
Che ne pensate di tutta questa vicenda?
Tanto per incominciare, interromperò il farmco per vedere se gli effetti collaterali svaniscono, poi parlerò col medico di base e credo che mi organizzerò una visita specialistica con un cardiologo per verificare stato cardicao e pressione.
Considerate che negli ultimi tre anni sono andato in ospedale ed in pronto soccorso più di una volta per una serie di problemi e questioni di pressione e cardiache non ne sono mai venute fuori.

Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L ecografia della quale lei riporta l esito è tipicamente quellamdi un iperteso: ipertrofia delle,pareti, ridotta comploance diastolica, lieve ectasia dell aorta ascendente...
L holter pressorio conferma questo sospetto. La terapia con bisoprololo che lei riporta è da una parte assolutamente insufficiente come dosaggio, dalla altra, essendo un beta bloccante non è certo di prima scelta in un maschio giovane. Sono piu indicate Ace inibitori o sartani.
Cerchi di ridurre il peso, di camminare a a passo svelto almeno un ora al giorno, di mangiare senza sale aggiunto, di stare ovviamente lontano dal fumo
Arrivederci
Cecchini
[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Salve,
la ringrazio per la celere risposta, che mi mette parecchio in allarme.

Sono andato a vedere le caratteristiche dei farmaci da lei indicati (è chiaro che un dialogo via web non è sufficiente) ma ho visto che hanno effetti collaterali (per altro simili al bisoprololo) legati a vertigini, parestesie, formicoli e quant'altro che purtroppo andrebbero a sovrapporsi alla sintomatologia della patologia di SM-RR di cui soffro e che quindi rischierebbero di non farmi più capire più nulla.

Devo dire che se non mi avessero dato i referti di cui sopra io non mi sarei reso conto di nulla (mi sembra di stare bene) e comincio a essere un po' "disperato": a 47 anni non mi aspettavo di accumulare così tanti problemi.

Saluti

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Sinceramente non vedo alcun motivo di disperazione, ha una banale ipertensione come milioni di italiani. Le consiglio di non leggere i "bugiardini" dei farmaci ma di affidarsi al suo medico o cardiologo di fiducia , altrimenti non assumerebbe neppure l aspirina....
Arrivederci
cecchini