Utente 778XXX
Buonasera,

Ho 39 anni da circa 30 anni gioco regolarmente a Pallavvolo in forma agonistica.
Negli utlimi 4 anni causa degli infortuni e intrventi (ginecomastia, settonasale,menisco\legamenti) ho diminuito fortemente l'attivita' pero' ogni anno continuando a fare la regolare visita di controllo sportiva perche' comunque di volta in volta mi diletto tutt'oggi a effettuare qualche allenamento e spesso faccio delle pelle ed impegnative passeggiate in montainbike.

da circa un paio di giorni dopo, durante un controllo regoalre di ecg mi e' stato riscontrato dopo aver effettuato anche raggia al torace e elettrocardiogramma una sindrome di brugada di tipo 2.

Volevo sapere se questo esclude assolutamente la possibilita' di proseguire nelle mie attivita' amatoriali, se c'e' da preoccuparsi e fare ulteriori accertamenti considerando che il cardiologo che mi ha vsito mi avrebbe dato una settimana di riposo, dopodiche' poter riprendere le regolari attivita' che precedenti ho elencato; affermando che si tratta di una patologia comune.

infine se puo' aiutare vi faccio presente che da circa due anni sono in cura per cefalea a grappolo e assumo regolarmente il pomeriggio una pasticca di sandomigran e inderal la sera una di inderal e due di sandomigran.
Inoltre visto che mi hanno chiesto se ho avuto morti improvvise in famiglia o situazioni simili, l'unico collegamento e' mio padre che e' stato operato di cuore la prima volta per sostituire la orta la seconda per la mitralica a distanza di 16 anni purtroppo non c'e' la fatta e' deceduto dopo l'intervanto.

ringraziandola anticipatamente per la disponibilita', vorrei avere un consiglio su come muovermi, e se e' da preoccuparsi oppure esiste una cura da intraprenddre non invasiva.

buona serata grazie ancora.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
una diagnosi di certezza richiederebbe almeno un test alla fleicanide e in caso di attività sportiva agonistica o meno, l'esecuzione di un test da sforzo o di uno studio elettrofisiologico. Mi sembra davvero strano che il collega possa aver definito la sindrome di Brugada come una banale aritmia.
Si informi meglio.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 778XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per le indicazioni, mi creda puo' sembrare strano ma non ho nessun vantaggio a dirle quello che mi e' stato detto dopo l'esami.

Piu' semplicemente in cosa consiste il test fleicanide e se puo' essere effettuato in qualsiasi struttura ospedaliera.

Infine mi devo preoccupare o al momento posso svolgere una vita regolare evitando chiaramente ogni attivita' fisica anche se ormai in forma amatoriale.

grazie per la disponibilita'.